Istat: “A marzo produzione industriale -28,4% su mese, -29,3% su 2019”

Tutti i principali settori di attivita' economica registrano variazioni tendenziali negative
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – A marzo 2020 l’indice destagionalizzato della produzione industriale e’ diminuito del 28,4% rispetto a febbraio. Nel primo trimestre dell’anno, il livello della produzione e’ scesa dell’8,4% rispetto ai tre mesi precedenti. Rispetto a marzo 2019 l’indice e’ diminuito corretto per gli effetti di calendario del 29,3% (22 giorni contro 21 dello scorso anno). Ad affermarlo e’ l’Istat. Tutti i principali settori registrano variazioni tendenziali negative. Le piu’ rilevanti sono quelle di fabbricazione di mezzi di trasporto (-52,6%), industrie tessili e abbigliamento (-51,2%), fabbricazione di macchinari (-40,1%) e metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (-37%). Il calo minore si registra nelle industrie alimentari, bevande e tabacco (-6,5%). L’indice destagionalizzato mensile mostra marcate diminuzioni congiunturali in tutti i comparti; variazioni negative caratterizzano, infatti, i beni strumentali (-39,9%), i beni intermedi (-27,3%), i beni di consumo (-27,2%) e l’energia (-10,1%). Gli indici corretti per gli effetti di calendario (a marzo 2020 i giorni lavorativi sono stati 22 contro i 21 dell’anno scorso) registrano a marzo diminuzioni particolarmente accentuate in tutti i settori.

Variazioni negative si registrano per i beni strumentali (-39%), i beni intermedi (-28,7%), i beni di consumo (-26,2%) e l’energia (-10,5%). Tutti i principali settori di attivita’ economica registrano variazioni tendenziali negative. Le piu’ rilevanti sono quelle della fabbricazione di mezzi di trasporto (-52,6%), delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-51,2%), della fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a. (-40,1%) e della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (-37%) mentre il calo minore si registra nelle industrie alimentari, bevande e tabacco (-6,5%). Per la fabbricazione dei mezzi di trasporto il calo congiunturale e’ stato del 60,1% mentre quello tendenziale, sempre corretto per gli effetti di calendario, e’ stato del 52,6%. Per l’alimentare, invece, il calo congiunturale e’ stato del 4% e quello tendenziale del 6,5%. Leggero aumento invece per la produzione alimentare del primo trimestre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019 (+0,8%). Per i prodotti farmaceutici il calo della produzione in termini congiunturali a marzo e’ stato dell’8,7% mentre il calo tendenziale e’ stato del 9,1%. Nel corso della fase di rilevazione – sottolinea l’Istituto di statistica – vi e’ stata una moderata riduzione del tasso di risposta delle imprese, conseguente all’emergenza sanitaria in corso.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»