Il dramma della Sea Watch 3: “Alcuni migranti meditano il suicidio”

Sono rimasti a bordo in 47, la nave si trova a un miglio da Lampedusa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Alcune delle persone a bordo di Sea Watch 3, che si trova a circa un miglio dal porto di Lampedusa, meditano il suicidio. Lo riferisce il medico di bordo, Karol, in un video pubblicato su twitter.

Update unserer Ärztin zur medizinischen Situation auf der #Seawatch 3: Seekrankheit großes Problem für bereits geschwächte Menschen. Große Frustration, da sie gestern nicht mit den anderen Geretten von Bord gehen durften, einige sprechen von Selbstverletzung und Selbstmord. pic.twitter.com/OE7xlosfZG

— Sea-Watch (@seawatchcrew) 18 maggio 2019

“Abbiamo affrontato condizioni meteo complicate. Il mal di mare per persone che hanno gia’ sofferto molto” in Libia “puo’ essere molto pericoloso. Alcune persone sono a grave rischio di disidratazione che deve essere trattata subito. Dopo lo sbarco di malati e bambini rimangono a bordo in 47. Ma dal punto di vista psicologico e’ una situazione molto negativa perche’ si sentono come se a nessuno importasse di loro, come se vivessero un fallimento. Alcuni parlano di voler infierire sul proprio corpo, di volersi suicidiare, pur di far terminare questa situazione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»