hamburger menu

Gang spadroneggiava in discoteca: sette arresti a Catania

Il capo del gruppo era un quindicenne imparentato con un boss del clan Nizza

Pubblicato:18-10-2023 10:41
Ultimo aggiornamento:18-10-2023 20:04
Canale: Sicilia
Autore:
baby gang
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

PALERMO – Sette arresti da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Catania che hanno messo fine alle attività di una gang di giovani, capeggiata da un 15enne. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di violenza privata, estorsione e lesioni personali commesse da più persone riunite con l’uso di armi. I reati hanno inoltre l’aggravante dell’uso del metodo mafioso. L’indagine, denominata ‘Dazio’ e coordinata dalla Procura di Catania, è andata avanti da febbraio a giugno di quest’anno: i militari hanno scoperto l’esistenza del gruppo criminale di giovani che operava nel centro di Catania e che sarebbe stato capeggiato da un parente di uno dei boss del clan Nizza, articolazione della famiglia di Cosa nostra Santapaola-Ercolano.

La gang, tra febbraio e maggio 2023, ha messo in atto una serie di vessazioni nei confronti del titolare e dei dipendenti di una discoteca del porto di Catania, concretizzando quella che i carabinieri definiscono “una vera e propria “estorsione ambientale”. In particolare, gli indagati avrebbero imposto la loro presenza all’interno del locale “spadroneggiando” con clienti e addetti ai lavori sia per ottenere dei vantaggi che “per affermare il proprio potere di assoggettamento”. In una circostanza il gruppo, con l’uso delle armi, ha pestato due giovani coetanei.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-10-18T20:04:19+01:00