hamburger menu

Pd Marche: “Antonio ha vinto la battaglia sul fine vita. Mai più calvari”

Consiglio regionale discuta e approvi la Pdl elaborata dall’Associazione Coscioni e presentata dal Pd per individuare tempi certi

Pubblicato:18-08-2022 16:34
Ultimo aggiornamento:18-08-2022 16:34
Canale: Marche
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ANCONA – “Antonio ha vinto la sua battaglia. Dopo quasi due anni, grazie anche al forte sostegno dell’Associazione Luca Coscioni, è riuscito a far valere il suo diritto ad accedere al suicidio medicalmente assistito nelle modalità sancite dalla sentenza 242/2019 della Corte costituzionale e ora potrà liberamente dare corso alla volontà di porre fine alle sue sofferenze in maniera serena, con il conforto dei propri cari al suo fianco”. Così il capogruppo regionale del Partito democratico, Maurizio Mangialardi, commenta il via libera dato dall’Asur Marche ad Antonio per all’accesso al suicidio medicalmente assistito.

LEGGI ANCHE: Il Pd Marche spinge la proposta di legge sul fine vita dell’Associazione Coscioni

MANGIALARDI: IL CONSIGLIO REGIONALE APPROVI QUANTO PRIMA LA NOSTRA PDL

“Nonostante l’esito favorevole del percorso- aggiunge il dem- è davvero difficile non stigmatizzare il comportamento della giunta Acquaroli e del servizio sanitario regionale che, come avvenuto in precedenza nei casi di Federico Carboni e Fabio Ridolfi, hanno ostacolato in ogni modo la volontà di Antonio, nonostante il Comitato etico gli avesse riconosciuto tutti i requisiti previsti dalla suddetta sentenza”. L’ex sindaco di Senigallia ribadisce “ancora una volta che questo crudele accanimento della destra, la quale non esita a giocare con la vita e il dolore dei cittadini, non è più accettabile di fronte a dispositivi di legge che attualmente permettono l’accesso al fine vita per determinate categorie di persone”.

E per “tale motivo” Mangialardi auspica “che il consiglio regionale discuta e approvi quanto prima la proposta di legge elaborata dall’Associazione Luca Coscioni e presentata dal gruppo assembleare del Partito democratico per individuare tempi certi nell’iter amministrativo di coloro che chiedono di ricorrere al suicidio medicalmente assistito“. L’obiettivo, conclude il dem, “è garantire l’esigibilità di questo diritto in un lasso di tempo di venti giorni, a fronte dei circa due anni che occorrono oggi, evitando così che le personali convinzioni ideologiche di chi governa la Regione possano rappresentare un freno all’applicazione della legge”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-18T16:34:52+02:00