Genova, Mattarella: “Paese unito più forte per accertare la verità”

"E' una tragedia che ha coinvolto tutto il nostro paese, una tragedia inaccettabile"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questi sono momenti di dolore condiviso, tutta l’Italia è unita in questo stato d’animo. E le parole vanno spese in questa direzione perchè un paese unito è anche più forte e più efficace nella severità e nell’accertamento della verità che vanno perseguite con rigore”. Lo dice il Capo dello Stato Sergio Mattarella, da Genova, parlando ai microfoni di Rainews24.

Leggi anche: Genova, altre tre vittime estratte dalle macerie. Oggi i funerali, Bagnasco: “Città non si arrende”

“Genova è stata colpita, tutti i genovesi e chi è passato da Genova ha percorso quel ponte, anch’io ho l’ho percorso tante volte anche di recente. E’ una tragedia che ha coinvolto tutto il nostro paese, una tragedia inaccettabile”. Lo dice il Capo dello Stato Sergio Mattarella, da Genova, parlando ai microfoni di Rainews24.

“Ci sono tre impegni che vanno adesso onorati: quello di vicinanza ai familiari di chi ha perso la vita, ai feriti, alle famiglie che hanno dovuto lasciare le abitazioni perchè in pericolo. L’impegno- sottolinea- di accertamento rigoroso e sollecito delle responsabilità”.

“Il dovere di assicurare al nostro paese la sicurezza delle strade e dei trasporti. Sono impegni che l’Italia ha per Genova e per l’intero nostro paese”, conclude

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»