Capone (Ugl): “Blocco dei licenziamenti duri fino a fine anno”

FRANCESCO PAOLO CAPONE
Il segretario generale Ugl, Paolo Capone, in una intervista alla 'Dire' parla delle sfide che dovrà affrontare il nuovo governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sul fronte del lavoro il governo Draghi deve dare il massimo, ci aspettiamo interventi importanti, innanzitutto la proroga della cassa integrazione e il blocco dei licenziamenti“. Così il segretario generale Ugl, Paolo Capone in una intervista alla ‘Dire’. Capone osserva: “Saremmo più propensi ad un blocco fino alla fine dell’anno, per uscire completamente dalla fase di emergenza e restituire al Paese forza lavoro vaccinata. Questa- continua il sindacalista- è la priorità più importante e il confronto che ancora non c’è stato. Noi- spiega- abbiamo mandato le nostre proposte, vedremo come risponderà il governo. Bisogna far riprendere l’economia e l’economia riparte se si riprende a vivere. Speriamo- chiude Capone- che questo sia l’ultimo lockdown e poi inizi una fase di crescita”.

CAPONE (UGL): “DRAGHI INIZIA CON IL PIEDE GIUSTO, ORA PROVA VERTENZE

“Il governo Draghi ha iniziato senz’altro con il piede giusto, con il confronto con le parti sociali, le imprese e i lavoratori. Questo metodo che speriamo rimanga come cifra di questo governo”, dichiara il segretario generale Ugl, osservando che “intanto registriamo un cambio di passo anche sulle più importanti emergenze del Paese“. Per il sindacalista il decreto sostegni “probabilmente darà il segnale che serve di rimborso a tutte le attività produttive e la cancellazione dei codici Ateco sicuramente va in questa direzione. Inoltre- continua Capone- ritengo, anche a differenza di altri sindacati, che la rottamazione delle cartelle fino a 5 mila euro sia un buon segnale, perché quelle non riguardano gli evasori ma le famiglie e i piccoli imprenditori”.

L’Ugl avverte però l’esecutivo che “rimangono sul tavolo importanti vertenze come l’Ilva e l’Alitalia su cui dobbiamo misurare la capacità di Draghi di intervenire“. In particolare per quanto riguarda Alitalia, la compagnia di bandiera “non può essere un ammortizzatore sociale ma non si può neanche fare uno spezzatino di un asset strategico per il Paese”. Per l’Ugl insomma “bisogna garantire il servizio del vettore del Paese: siamo cauti sulle affermazioni di questi giorni su un taglio importante del personale, perché bisogna garantire la piena operatività del servizio”.

CAPONE (UGL): “BENE ACCELERAZIONE DRAGHI, VACCINARE NELLE AZIENDE”

“Il nuovo governo ha dato segnali di discontinuità rispetto al passato, sul piano vaccini ha dato una accelerazione importante che non è fatta solo di tempi e organizzazione, ma anche di risorse messe a disposizione, i 5 milioni previsti nel prossimo decreto andranno in questa direzione”, spiega Capone alla ‘Dire’. Capone quindi apprezza il nuovo corso e osserva che “quella delle primule, che erano un’operazione scenica più che realistica, è stata superata dalla concretezza”. Sul piano del governo che intende vaccinare anche nei luoghi di lavoro il sindacalista sottolinea che “dentro le aziende si può vaccinare, si può vaccinare nelle scuole, si può vaccinare tutti in quei luoghi in cui i lavoratori sono presenti, per avere una rapidità ed efficacia maggiore”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»