Coronavirus, in Campania più diffuso tra i 20enni che tra i 70 enni

L'età media dei contagiati è 52 anni. La percentuale più alta in Campania, il 20,5% del totale, si registra nella fascia 50-59 anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Almeno dieci casi di positivita’ al coronavirus sono registrati in Campania su bambini e ragazzi di un’eta’ compresa tra gli 0 e i 19 anni. In particolare, l’1% dei casi si registra nella fascia d’eta’ 0-9 e l’1,6% in quella 10-19. Questo emerge dalla lettura dei dati pubblicati dall’Istituto superiore di sanita’ che analizzano la diffusione del virus suddivisa per fasce d’eta’. L’indagine fa riferimento ai dati disponibili al 16 marzo, quando il numero di infezioni confermate dall’Iss in Campania era pari a 381. L’eta’ media dei contagiati e’ 52 anni. La percentuale piu’ alta in Campania, il 20,5% del totale, si registra nella fascia 50-59 anni. Seguono 40-49 anni (17,3%), 60-69 anni (15,5%) e 30-39 anni (9,4%). Nella decade 20-29 anni il contagio e’ pari all’8,9% e al 7,9% nella fascia 70-79 anni. Pochi i casi tra gli ultraottantenni (il 3,7%) e gli ultranovantenni (0,5%).
Sul piano nazionale l’eta’ media dei contagiati e’ 62 anni e il range d’eta’ in cui il contagio e’ piu’ diffuso e’ quello 70-79 anni (20,4%). La percentuale di positivi tra gli 0 e i 9 anni e’ dello 0,5%, mentre arriva allo 0,7% nella fascia 10-19 e al 3,9% nella decade 20-29 anni, che resta la meno rappresentata tra la popolazione adulta.
Al momento il numero di contagi registrati in Campania, secondo i dati dell’unita’ di crisi della Regione Campania aggiornati alle 22:30 di ieri, e’ pari a 554, 94 in piu’ del giorno precedente.
La Regione, inoltre, ha annunciato l’uso di test rapidi sui pazienti sintomatici. Sono un milione gli Antibody Determination Kit, utilizzati con successo in Cina, che sono gia’ stati ordinati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»