Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rinviata a domani la sentenza sulla detenzione di Zaki

patrick zaki
La decisione del tribunale de Il Cairo sul prolungamento della prigionia dello studente egiziano verrà comunicata domani. Secondo Riccardo Noury di Amnesty International "è una crudeltà al cubo".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La decisione sul prolungamento della detenzione cautelare di 45 giorni di Patrick Zaki si conoscerà domani. Lo hanno confermato all’agenzia Dire fonti dell’Egyptian Initiative for Personal Rights (Eipr), l’ong con cui il ricercatore egiziano collaborava fino all’arresto e che ora gli sta fornendo supporto legale.

“Dopo oltre 30 ore dalla fine dell’udienza e 11 mesi di carcere illegale ed arbitrario, negare la comunicazione della decisione è una crudeltà al cubo” ha commentato per la Dire Riccardo Noury, portavoce di Amnesty international.

Ieri ‘Patrick Libero’, il gruppo che sui social network si batte per il rilascio dello studente egiziano, ha fatto sapere che Zaki è rimasto in aula “per più di 10 ore, e non ha potuto mangiare, bere o usare il bagno”, quindi ha denunciato le “condizioni disumane” in cui il 28enne è stato costretto a rimanere sebbene la sua udienza fosse terminata. Zaki ha dovuto infatti aspettare fino alla fine delle udienze delle decine di imputati che erano in aula con lui.

LEGGI ANCHE: Oltre 50.000 firme per la cittadinanza italiana onoraria a Zaki

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»