‘Riapri Calabria’, oltre 21mila domande ammesse a finanziamento

imprese
Seconda edizione dell'avviso pubblico promosso dalla Regione per l'erogazione di un contributo una tantum a microimprese e professionisti colpiti dall'emergenza coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 REGGIO CALABRIA – Sono 21.407 le domande ammesse a finanziamento nell’ambito della seconda edizione di “Riapri Calabria”, l’avviso pubblico promosso dalla Regione per l’erogazione di un contributo una tantum a microimprese e professionisti interessati dagli effetti negativi della crisi economica generata dall’emergenza coronavirus. Il contributo è di 1.500 euro per ciascuna impresa richiedente. In questa seconda edizione sono stati impegnati 65 milioni di euro. Il dipartimento Lavoro, sviluppo economico, attività produttive e turismo ha preso atto dei lavori della commissione che ha trasmesso l’elenco delle domande dichiarate ammissibili e ricevibili. “È un risultato molto importante – dichiara l’assessore al Lavoro, Sviluppo economico e Turismo, Fausto Orsomarso – frutto di un quadro di azione preciso e più ampio sul quale, attraverso diverse misure, fin dall’inizio della pandemia, abbiamo investito risorse cospicue per risollevare l’economia calabrese e garantire l’opportuno rilancio del settore produttivo”. Con un provvedimento successivo avverrà il trasferimento delle somme a favore del soggetto gestore del bando, Fincalabra spa, per la liquidazione ai beneficiari. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, la Regione Calabria ripropone le misure “Riapri” e “Lavora”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»