Liguria, l’antico borgo di Osiglia è riemerso dal lago dopo 14 anni

borgo di osiglia liguria
Turisti e curiosi si sono trovati di fronte uno spettacolo fiabesco: i resti delle tre località sommerse negli anni '30 sono ora coperti di neve
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Non sarà l’incantato campanile che emerge dal lago di Resia, ma anche la Liguria ha la sua affascinante “Curon”. È l’antico borgo di Osiglia, nell’entroterra savonese dell’Alta Val Bormida, che dopo 14 anni di immersione, fuoriesce dall’omonimo lago, svuotato per interventi di manutenzione all’invaso e alla diga di proprietà di Tirreno Power. Uno spettacolo già di per sé insolito, reso ancora più fiabesco dalle nevicate delle ultime settimane. Tanto che lo scorso weekend, turisti e curiosi non si sono fatti attendere. Il lago venne realizzato in seguito alla costruzione della diga dell’Osiglietta tra il 1937 e il 1939. Durante la sua costruzione, le località Cavallotti, Giacchini e Bertolotti furono sommerse dall’acqua, con lo sfollamento di circa trecento persone.

L’ultima volta che le antiche rovine riemersero alla luce del sole era il 2006. Il lago, riserva di pesca e campo di gara per diverse manifestazioni sportive, ha una superficie molto estesa, con una lunghezza di tre chilometri, una larghezza di quasi 200 metri e una capacità di 13 milioni di metri cubi d’acqua. Chi volesse portarsi a casa qualche scatto indimenticabile deve affrettarsi: il riempimento è già ricominciato. Altrimenti, ci si dovrà accontentare di attraversare il “ponte di Manfrin”, che porta al piccolo borgo ancora abitato.

LEGGI ANCHE: Il calendario dell’avvento di Toti promuove tutte le specialità liguri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»