Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Speranza: “Sfida contro il Covid non è risolta, abbassare la guardia grave errore”

MINISTERO DELLA SALUTE. INCONTRO PER EMERGENZA CORONAVIRUS
Il ministro della Salute: "I numeri dimostrano che siamo ancora dentro la pandemia, ma il vaccino è l'arma fondamentale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo ancora dentro una sfida non risolta, come dimostrano i numeri. Sarebbe un grave errore abbassare la guardia“. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo questa mattina al convegno dal titolo ‘Riflessioni sulla pandemia da Sars-CoV-2. Il contributo del Comparto Difesa e Sicurezza sulla mitigazione e nel contrasto’, organizzato oggi a Roma dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) in collaborazione con il Comparto Difesa e Sicurezza. “I medici non sono eroi, ma persone al servizio delle istituzioni e soprattutto della comunità – ha aggiunto Speranza -. La loro è una consuetudine quotidiana di chi mette al primo posto il benessere dei cittadini e fa, in ogni momento, tutto il possibile per tutelarli in ambito della salute”.

Speranza ha fatto il punto sull’andamento della campagna vaccinale: “Ad oggi in Italia sono state somministrate 92,5 milioni di dosi di vaccino. Questo non sarebbe stato possibile se non ci fosse stato un grande Paese. Grazie agli operatori sanitari e alle istituzioni a tutti i livelli. Oggi nel vaccino abbiamo trovato l’arma fondamentale – ha proseguito il ministro – eppure la memoria spesso è breve: a me piace ricordare che la prima iniezione di vaccino l’abbiamo fatta meno di undici mesi fa, il 27 dicembre 2020, ma sembra passato chissà quanto tempo”.

Il ministro ha anche aggiornato i numeri sulle prime dosi che si continuano a somministrare: “Le prime dosi sono fondamentali. Continuiamo a farne circa 19mila al giorno: sembra un numero residuale e invece è importante, perché ogni singola dose di vaccino in più significa rendere più forte il nostro scudo contro il Covid-19. Dobbiamo insistere”.

Per il ministro della Salute, “il Servizio sanitario nazionale merita investimenti e risorse. Come istituzioni dobbiamo prenderci cura di chi si prende cura di noi e credo che con le risorse del Pnrr possiamo invertire la tendenza. Il Snn è la pietra più preziosa che abbiamo – ha aggiunto Speranza – per troppi anni è stata considerata una voce di bilancio e se c’era da tagliare si tagliava. Ora dobbiamo dire con tutta la forza possibile che quel passato non tornerà più”. Secondo il ministro, dunque, il Ssn è “la premessa per la ripartenza dell’Italia”.

FIGLIUOLO: “CI SONO ANCORA ESITANTI”

“C’è da fare ancora con gli esitanti, facciamo circa 18mila prime dosi al giorno. Quanto alle terze dosi, ieri ne abbiamo somministrate 140mila. Ne somministriamo una media di 110-120mila al giorno, tenendo conto delle flessioni fisiologiche del sabato e della domenica”. Lo ha fatto sapere il commissario straordinario per l’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo, intervenendo questa mattina al convegno dal titolo ‘Riflessioni sulla pandemia da Sars-CoV-2. Il contributo del Comparto Difesa e Sicurezza sulla mitigazione e nel contrasto’, organizzato a Roma dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) in collaborazione con il Comparto Difesa e Sicurezza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»