Voli Covid free da Fiumicino, il ‘modello Lazio’ finisce sulla Bbc

L’iniziativa partita per due voli sulla tratta Roma-Milano vede la collaborazione della Regione Lazio, AdR e Alitalia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “’Tickets, passport and compolsuring negative test result. Welcome on board europe first Covid free flight!‘. E’ il messaggio con cui la BBC ha annunciato la partenza ieri dall’Aeroporto di Fiumicino dei primi voli Covid Free. Una sperimentazione, prima in Europa, per mettere in sicurezza il trasporto aereo e permettere una ripresa del settore. L’iniziativa, partita per due voli sulla tratta Roma-Milano nata dala collaborazione della Regione Lazio, AdR e Alitalia, prevede il trasporto solo di passeggeri risultati negativi al Covid-19, dopo aver eseguito il test antigenico rapido prima di imbarcarsi o aver presentato la certificazione di un tampone molecolare (test PCR) o antigenico effettuato nelle 72 ore precedenti la partenza del volo. I nuovi voli Covid Free dall’Italia e i suoi test aeroportuali potrebbero essere il modo per evitare la quarantena di massa della Gran Bretagna e di altri e per attirare i passeggeri a bordo? E’ la domanda del giornalista Mark Lowen che ha firmato il servizio della BBC. L’Italia e il Lazio sono pronti per aprire la strada a un cielo sicuro e libero dalla pandemia”. Lo comunica l’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio.

LEGGI ANCHE: Il test rapido anti Covid? Ora si fa prima di salire in aereo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»