Parla la docente sospesa a Palermo: “Non ho finalità politiche, voglio rendere gli alunni consapevoli”

Rosa Maria Dell'Aria sospesa per 15 giorni perchè 'colpevole' di non aver vigilato su un lavoro in cui erano presenti accostamenti tra gli anni del nazifascismo e le politiche dell'attuale Governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io rispetto le opinioni di tutti, anche di chi ha ritenuto giusto prendere questo provvedimento nei miei confronti. Tuttavia ho sentito l’esigenza di fare chiarezza. Da parte mia non c’è stato alcun indottrinamento nei confronti dei ragazzi, né finalità politiche. Semplicemente ho lasciato i miei studenti liberi di esprimersi e confrontarsi, come faccio da 40 anni”. Rosa Maria Dell’Aria, l’insegnante dell’istituto industriale di Palermo, parlando all’agenzia Dire si dice “sollevata per le tantissime manifestazioni di solidarietà” che le stanno arrivando da più parti, “anche da chi non mi conosce”.

Docente sospesa a Palermo, il video sotto accusa nella homepage del Comune

Insegnante sospesa a Palermo: ecco il video ‘incriminato’

VIDEO | Salvini come il Duce in una scuola di Palermo, docente sospesa. Fratoianni-Orlando: “Studenti hanno ragione”

Docente sospesa a Palermo, l’attacco del M5S: “E’ censura da parte della Lega”

La docente è stata sospesa per 15 giorni dall’Ufficio scolastico regionale perchè ‘colpevole’ di non aver vigilato durante la realizzazione di un lavoro fatto dai suoi studenti in cui erano presenti accostamenti tra gli anni del nazifascismo e le politiche dell’attuale Governo, in particolare quelle del ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

“Quel video- ha detto ancora la professoressa- nasce da un libero confronto da parte degli studenti in cui sono emerse anche opinioni divergenti. I ragazzi sulla base di studi di testi, documenti e giornali hanno infine deciso di impostare il lavoro in questo modo, senza pressioni da parte di nessuno”. “Se tornassi indietro mi comporterei diversamente? Il mio metodo di lavoro- conclude- è questo da sempre, cerco solo di fare in modo che i miei alunni diventino cittadini consapevoli”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»