A Ginevra forum sui rifugiati, appello ai paesi ricchi

Ong: "Uganda accoglie più che Ue, Svizzera e Norvegia insieme"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Al via oggi a Ginevra il primo Forum globale sui rifugiati, una conferenza di tre giorni che si pone l’obiettivo di “trasformare il modo in cui il mondo risponde alle situazioni dei rifugiati”.
Al Palazzo delle Nazioni, si legge in un comunicato di Unhcr, si riuniranno “capi di stato e di governo, leader Onu, istituzioni internazionali, organizzazioni per lo sviluppo, leader dell’imprenditoria e rappresentanti della societa’ civile”.

L’Unhcr, l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, organizza il forum insieme alla Svizzera: l’iniziativa e’ inoltre promossa da Costa Rica, Etiopia, Germania, Pakistan e Turchia. Su quest’ultima si sta concentrando l’attenzione di molti media: e’ atteso a Ginevra il discorso del presidente Recep Tayyep Erdogan, che secondo molti potrebbe chiedere ai Paesi europei di aumentare gli aiuti per l’accoglienza dei rifugiati nel suo Paese.

La Turchia e’ lo Stato che accoglie in assoluto il maggior numero di rifugiati: 3,7 milioni. Tra i primi dieci ci sono anche il Libano (1,5 milioni) e l’Uganda (1,3 milioni), su un totale mondiale di oltre 25 milioni di rifugiati. Il 60 per cento di questi e’ ospitato da dieci Paesi, e oltre l’85% vive in Paesi con redditi medi o bassi.
“L’Uganda, da sola, sta ospitando piu’ rifugiati dell’insieme di Unione Europea, Svizzera e Norvegia, dalla cosiddetta crisi del 2015. Il Paese merita un applauso per questo, ma gli applausi non riempiono gli stomaci vuoti” e’ il commento di Jan Egeland, segretario generale dell’ong Norwegian Refugee Council.

Considerando anche gli sfollati interni, sono oltre 70 milioni le persone nel mondo che hanno dovuto lasciare le loro case per scappare da conflitti, guerre e persecuzioni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»