Pena di morte, fermata in Iran l’esecuzione di tre ventenni

I tre giovani sono accusati di vandalismo e atti di "guerra" contro la Repubblica islamica per aver partecipato a cortei di protesta in Iran a novembre
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Bloccata l’esecuzione di tre giovani accusati di vandalismo e atti di “guerra” contro la Repubblica islamica per aver partecipato a cortei di protesta in Iran a novembre: lo ha riferito a Teheran l’agenzia di stampa Fars.

Secondo Fars, i magistrati hanno disposto uno stop sulla base dell’articolo 477 del Codice penale. I tre, Amirhossein Moradi e Mohammad Rajabi di 25 anni e Saeed Tamjidi di 27, erano stati condannati a morte venerdi’ dalla Corte suprema dell’Iran.
Nei giorni scorsi in loro difesa si era sviluppata una campagna social, con l’hashtag “Non eseguite la condanna”, in inglese e in persiano.

Call on Iranian Authorities to Not Execute Three Young Protesters

Iran’s @khamenei_ir must quash the death sentences of protesters—Amirhossein Moradi, Saeed Tamjidi & Mohammad Rajabi—immediately! Their trial was unfair & they said they were subjected to torture through beatings, electric shocks and being hung upside down. #اعدام_نکنید

Gepostet von Amnesty International am Mittwoch, 15. Juli 2020

NOURY (AMNESTY): STOP IRAN CONFERMA PRESSIONI VALGONO 

“Questa notizia, positiva, e’ la conferma che le pressioni e le mobilitazioni di milioni di persone possono fare la differenza”: cosi’ all’agenzia Dire il portavoce di Amnesty International in Italia, Riccardo Noury, in merito a una sospensione dell’esecuzione di tre ventenni condannati a morte in Iran.
“Nei giorni scorsi Amnesty aveva denunciato l’aumento dell’uso della pena di morte come strumento di repressione politica e del dissenso” ricorda Noury. “Oggi arriva una notizia di segno inverso, che accogliamo positivamente, auspicando che i tre ragazzi che rischiavano la pena di morte per fatti avvenuti nelle proteste del novembre 2019 abbiano un processo equo”.
Il portavoce di Amnesty sottolinea pero’ il rischio che lo stop del quale e’ stato riferito oggi non sia definitivo. Secondo Noury, “bisogna fare attenzione a che la decisione non sia temporanea e che poi si riprenda quando l’attenzione sara’ scemata”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»