VIDEO | Dopo quattro anni via ai lavori per frana su A18 Messina-Catania

"Abbiamo dato un impulso al lungo iter autorizzativo per eliminare un'altra vergogna delle infrastrutture siciliane", dichiara Nello Musumeci
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – A quattro anni dalla frana che nell’ottobre del 2015 invase la corsia dell’autostrada A18 Messina-Catania, all’altezza di Letojanni, sono stati consegnati i lavori per la rimozione dei detriti e la riapertura della carreggiata interrotta. Questa mattina, al PalaRegione di Catania, il governatore Nello Musumeci ha ufficialmente consegnato alla ditta aggiudicataria i lavori per ripristinare la piena sicurezza sull’arteria autostradale.

Erano presenti i vertici del Cas (Consorzio delle autostrade siciliane) che gestisce l’arteria, con il direttore Salvatore Minaldi e l’architetto Alberto Vecchio della Protezione civile regionale.

L’appalto è stato aggiudicato a un raggruppamento temporaneo di imprese formato dalla Sgromo Costruzioni Srl di Maida (Catanzaro) e dalla Cospin Srl di Catania.

Il costo complessivo dei lavori ammonta a quindici milioni di euro, quattro dei quali a carico della Protezione civile regionale e undici dell’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato da Musumeci. La scelta del governo regionale di intervenire nel finanziamento dell’opera, attraverso la speciale struttura, libera risorse inizialmente impegnate dal Cas, ente regionale, che potranno, adesso, essere destinate ad altri interventi di manutenzione sulla rete viaria.

I lavori appaltati porteranno alla realizzazione di una doppia galleria artificiale che coprirà entrambe le carreggiate. Un tunnel lungo 140 metri, costruito senza spostare i detriti poiché la frana è tutt’ora in movimento. Una pila, a metà fra le carreggiate, sosterrà le due gallerie, una delle quali attraverserà i detriti della frana.

La conclusione dei lavori è prevista per maggio 2021. Il progetto per il ripristino della carreggiata a monte della A18 e la messa in sicurezza dell’autostrada “è complesso – spiega una nota della presidenza della Regione -, non tanto per l’efficacia finale dell’opera ma perché dovrà essere garantita la percorribilità dell’arteria a valle della frana anche durante i lavori.

Utilizzando tecniche e materiali modernissimi e affidabili sotto il profilo della resistenza e della durata nel tempo – spiegano ancora da Palazzo d’Orleans -, l’impresa dovrà per prima cosa mettere in sicurezza la montagna lavorando nel pendio. Questo per mettere in sicurezza il cantiere e la successiva opera una volta realizzata”.

Saranno utilizzate reti ad elevatissima resistenza ancorate al terreno e poi si passerà alla costruzione di una paratia, sempre a monte, e infine alla realizzazione delle due gallerie in cemento armato e pali d’acciaio.

“La frana – commenta Musumeci – risale ormai a quattro anni fa, ma quando ci siamo insediati, nel novembre del 2017, non c’era nemmeno un progetto esecutivo sul quale poter lavorare. Abbiamo preso atto dell’insipienza di chi avrebbe dovuto provvedere tempestivamente e abbiamo, fin da subito, dato un impulso al lungo iter autorizzativo che passa anche dal ministero per eliminare un’altra vergogna delle infrastrutture siciliane. Oggi, finalmente, diamo una risposta concreta ai cittadini che, da anni, sono costretti a percorrere quel tratto di autostrada con notevoli disagi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»