VIDEO | Lo psicologo: “Dopo il lockdown da litigi genitori-figli al silenzio”

Ai burrascosi litigi del lockdown, ora sono subentrati silenzio e indifferenza. Lo psicologo e psicoterapeuta dell'età evolutiva mette in guardia: "È peggio dei litigi, si è creata frattura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://youtu.be/5bJqQINVAIE

ROMA – “Situazioni burrascose e litigi forti hanno sempre animato la vita di genitori e figli. Quest’anno, però, in seguito alla convivenza forzata dovuta alla pandemia Covid-19, abbiamo assistito a un incremento di attriti tra genitori e figli, ma anche di litigi tra gli stessi genitori. La situazione oggi è quindi molto complicata, ma ad alterarla ancora di più è la silenziosità. Non c’è più neanche lo strillo, l’urlo, la rabbia e l’esplosione di litigio, perché si è creata una frattura, un’indifferenza“. A dirlo è Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), analizzando cause ed effetti del fenomeno.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Fase 2, lo psicologo: “Da litigi a assenza, ecco il rapporto genitori-figli”

“I ragazzi ora- spiega lo psicoterapeuta- sono indifferenti al litigio con i genitori, gli danno meno valore perchè danno meno valore ai pensieri e alle parole dei propri genitori. Questo è un dramma maggiore rispetto al litigio continuo, perchè nella lite si ha un rapporto, una possibilità di scambio che viene a mancare con l’indifferenza. Questo- conclude- è un problema che pagheremo a settembre, in particolare i docenti saranno gli ultimi adulti a interagire con molti giovani che hanno chiuso i rapporti verbali con i genitori. È la relazione che è saltata per aria e per riprenderla speriamo che i docenti ce la facciano e in ogni caso dovranno essere aiutati”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»