Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Fase 2, lo psicologo: “Da litigi a assenza, ecco il rapporto genitori-figli”

A preoccupare di piu' Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell'Istituto di Ortofonologia (IdO), sono gli adolescenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Genitori, bambini e ragazzi, tutti risentono della pandemia, ognuno a proprio modo, ma a preoccupare di piu’ Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), sono gli adolescenti: “Se da una parte hanno saputo accettare di piu’ questa clausura, dall’altra non hanno accettato la mancanza di un buon rapporto con i genitori. Nelle famiglie ci sono stati molti scontri, molti litigi, e adesso che si sta tornando alla normalita’– ricorda lo psicoterapeuta- con la possibilita’ di uscire, stiamo assistendo a comportamenti di superficialita’ e assenza nei rapporti: ‘Non mi riguarda, io faccio un’altra vita, faccio un’ altra cosa, non mi interessa‘, dicono i ragazzi”.

Secondo l’esperto, andando di questo passo a settembre le relazioni genitori-figli rappresenteranno “un grandissimo problema nelle scuole, perche’ significa che i docenti dovranno farsi carico anche della gestione delle dinamiche che i giovani vivono. È molto complicato”. Certo, ammette Castelbianco, “stare insieme tanto tempo, durante questo periodo di chiusura forzata, ha causato veramente numerosi disagi in famiglia: dalle pessime relazioni fra coniugi al rapporto con i figli. Si e’ passati da un rapporto superficiale in cui ci si limitava a poche domande, del tipo ‘Come stai? Come e’ andata a scuola? Cosa mangiamo?‘, allo stare insieme tutto il giorno. Genitori e figli si sono frequentati senza avere filtri– continua lo psicoterapeuta dell’eta’ evolutiva- e questo ha generato aggressivita’ molto forti”.

LEGGI ANCHE: Rabbia, pianti, disturbi del sonno: il 98% dei pediatri segnala aumento di disagi nei bambini

Volgendo l’attenzione ai bambini piccoli, lo psicologo ricorda che loro sperimentano soprattutto “problemi di sonno, di addormentamento e col cibo. E- precisa- avvertono delle difficolta’ nelle relazioni, perche’ sentono la mancanza degli amici, della scuola e di tutte le attivita’ di condivisione. Sono nervosi- conclude Castelbianco- Questo loro nervosismo, unito a quello dei genitori, porta scintille”.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»