Palermo, Orlando: “In 500.000 per la notte del festino di Santa Rosalia”

Si cerca detenuto evaso dopo realizzazione del carro trionfale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Oltre 500mila persone, palermitani e turisti, che seguono uno straordinario Festino di gioia. Un Festino che e’ stato preparato nei quartieri, coinvolgendo tutti i palermitani, gli artisti, i musicisti, i detenuti, i bambini, l’orchestra e il coro del Teatro Massimo.

Un Festino che si conferma la festa di tutti i palermitani, di tutti coloro che hanno scelto di vivere a Palermo”. Cosi’ il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, sul suo profilo Facebook, nel corso dei festeggiamenti andati avanti fino a notte fonda nel capoluogo siciliano per il 395esimo Festino in onore di Santa Rosalia, patrona della citta’.

Una folla di turisti e palermitani ha invaso il centro per seguire gli spettacoli iniziati davanti a Palazzo Reale e proseguiti lungo il ‘Cassaro’: protagonista il carro trionfale della ‘Santuzza’, con la tradizionale fermata ai Quattro Canti per il grido “Viva Palermo e santa Rosalia” pronunciato dal sindaco.

Nota stonata della notte di festeggiamenti l’evasione di un detenuto del carcere Ucciardone, avvenuta nel corso delle prove del Festino ma appresa soltanto nella serata di ieri. Alessandro Cannizzo, messinese di 44 anni, aveva partecipato alla realizzazione del carro insieme con altri detenuti, cosi’ come previsto dall’organizzazione di quest’anno, ma al rientro dalle prove ha fatto perdere le sue tracce.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»