Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Dateceli gratis”, a Bologna via Zamboni invasa dai preservativi

Oggi il Consiglio degli studenti ha approvato una mozione per chiedere all'Ateneo di stringere una convenzione con la Asl
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Via Zamboni invasa da preservativi appesi a fili e distribuiti gratuitamente ai giovani che stamattina hanno attraversato la zona universitaria di Bologna. E’ l’iniziativa messa in campo da Mala Educacion, Link Bologna e gruppo Prometeo a sostegno della rivendicazione di contraccezione gratuita in università, a proposito della quale proprio stamattina il Consiglio degli studenti ha approvato a maggioranza la mozione presentata da Link Bologna. La proposta arrivata al Consiglio – ora la palla passerà all’Alma Mater – è quella di dare vita a una convenzione tra l’Università di Bologna, le aziende Usl e i servizi consultoriali del territorio per offrire in università la contraccezione gratuita sotto i 26 anni, così come approvato dalla giunta regionale. La richiesta di preservativi per tutti segue quella del febbraio scorso che riguardava invece gli assorbenti: anche in quell’occasione, fu messa in atto un’azione plateale, con il Rettorato invaso da assorbenti attaccati ovunque. La campagna per la contraccezione gratuita portata avanti da coordinamento Link, Mala Educacion e gruppo Prometeo ha visto anche la proiezione (ieri sera in piazza Verdi) del documentario “Così è se vi pare” sul movimento per la Vita nei consultori. E la mobilitazione prosegue in vista del 22 maggio, il quarantennale dell’approvazione della legge sull’aborto, con il lancio dell’hashtag #moltopiùdi194.


Per Silvia Mazzaglia (Link – Studenti indipendenti) quella di oggi “è una grande vittoria per gli studenti dell’università, un piccolo passo per poter autodeterminare le nostre vite e non dover subire discriminazioni economiche nell’accesso alla contraccezione. Proprio perchè tutti gli studenti e tutte le studentesse, in particolare i fuorisede, trovano nell’università l’istituzione di riferimento è giusto che sia questa, ad occuparsi di offrire gli strumenti contraccettivi e di prevenzione alle malattie sessualmente trasmissibili”. Per il collettivo della Mala Educacion, Francesca Romana D’Amico rilancia sul percorso #moltopiùdi194: “Il nostro impegno non si ferma qui: il 22 maggio saremo in piazza Verdi per un laboratorio di riscrittura della legge e per evidenziarne i limiti costitutivi e richiedere “molto di più” in materia di salute sessuale e sessualità ampiamente intesa: per questo e tanto altro sabato 26 con ‘Non Una Di Meno Bologna’ faremo il corteo da piazza del Nettuno coordinatamente a tutta Italia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»