Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Zaia riceve un video di minacce di sette minuti: “Comincia ad essere impegnativo”

luca zaia
Il governatore ha annunciato che il Veneto sarà la prima regione italiana ad inoculare le terze dosi, a partire da lunedì 20 settembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “Ieri mi è arrivato un altro video di minacce di sette minuti, cominciano ad essere anche cose impegnative”. Lo rivela il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, oggi in conferenza stampa da palazzo Balbi, Venezia. Il responsabile del video sarà segnalato, “si procede d’ufficio”, aggiunge Zaia.

CALANO INCIDENZA E POSITIVI IN VENETO

In Veneto l’incidenza di nuovi positivi sul numero di tamponi si sta abbassando, così come stanno diminuendo i soggetti attualmente positivi, spiega Zaia. Con 427 nuovi casi su 46.934 tamponi, l’incidenza è dello 0,91%, mentre gli attuali positivi sono 12.589, mentre la settimana scorsa “erano costantemente più di 13.000”. Non calano invece i ricoverati, che sono 320, di cui 261 in area non critica e 56 in terapia intensiva. “Ma con questo numero di positivi senza vaccini saremmo a 1.500-2.000 ricoverati“, sottolinea Zaia. Il 66% circa dei ricoverati in area non critica e l’80% dei ricoverati in terapia intensiva non sono vaccinati.

“SAREMO I PRIMI IN ITALIA AD INOCULARE LA TERZA DOSE, DA LUNEDÌ 20”

La prima inoculazione della terza dose la faremoprimi in Italia– con il generale Figliuolo lunedì 20 mattina a Villorba“. Lo annuncia il presidente della Regione Veneto Luca Zaia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»