hamburger menu

Master universitari e campagne di comunicazione sui temi della montagna, Governo stanzia fondi

Stanziati 340.000 euro, pubblicato decreto coi criteri. Il ministro: terre alte sono sono risorsa meravigliosa, ma anche opportunità.

Pubblicato:23-11-2023 17:21
Ultimo aggiornamento:23-11-2023 17:21
Canale: DIre Montagne
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Sono in arrivo risorse preziose per sostenere, realizzare e promuovere politiche in favore della montagna. Un’iniziativa dal valore complessivo di oltre 340.000 euro” destinati sia alla realizzazione di master universitari sui temi della montagna, sia per campagne di comunicazione istituzionale sugli stessi argomenti. Il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Roberto Calderoli, annuncia così un decreto che stabilisce criteri e modalità di utilizzo dello stanziamento, pubblicato oggi stesso. “Anche queste iniziative, così come il disegno di legge ad hoc, fanno parte del nostro progetto per una piena valorizzazione delle montagne italiane, in un’ottica di riduzione dei divari, sviluppo socio-economico e contrasto allo spopolamento. Sono e resto sempre convinto che le zone di montagna possano e debbano essere valutate come un’opportunità e, ancor meglio, come una risorsa meravigliosa e importantissima, per l’uomo e per il pianeta”, afferma ancora Calderoli.

PLAUSO ZAIA: STUDIO E CULTURA DELLE TERRE ALTE AIUTANO ECONOMIA E IDENTITÀ CULTURALE

“L’iniziativa sottoscritta dal ministro Calderoli è molto importante, soprattutto per la Regione Veneto, che conserva ampie porzioni di territorio montano. Lo studio e la cultura legati alla montagna sono un viatico prezioso sia dal punto di vista economico sia per quanto riguarda l’identità culturale. Un grazie al ministro per la sensibilità con l’auspicio che, nei prossimi mesi, le ricadute possano essere importanti anche per le nostre Dolomiti”, commenta il presidente del Veneto, Luca Zaia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-11-23T17:21:40+01:00