Cacciari: “L’Umanesimo di Conte? Da scolaretto ignorante”

"Da un ventennio la gente vota e il Governo e' a prescindere dal voto: siamo in un'anomalia totale"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MODENA – “L’Umanesimo che ha in mente Giuseppe Conte e’ l’opposto di quello che e’ esistito. La sua e’ una vaga promessa di mettere le cose in ordine, di superare conflitti e contraddizioni, di far tornare l’armonia. Questa e’ una visione da scolaretto un po’ ignorante di terza media”. Risponde cosi’ il filosofo Massimo Cacciari all’agenzia Dire, a margine della presentazione alla stampa della sua lezione magistrale sull’Umanesimo in programma al Festival della filosofia.

Quanto alle elezioni “ogni volta che andiamo al voto non sappiamo per chi votiamo. La gente, i grillini che hanno votato, si sono trovati un Governo prima con la Lega, ora con il Pd. Per forza che la democrazia si logora. Stesso discorso per gli elettori del Pd e della Lega. Inutile raccontare e nascondersi dietro il fatto che la Repubblica e’ parlamentare per cui è nel Parlamento che si formano le maggioranze. Se si vota laburista non possono andare al Governo i conservatori. Ci deve essere una misura. Da un ventennio la gente vota e il Governo e’ a prescindere dal voto: siamo in un’anomalia totale”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»