Festival della Filosofia, Saraceno: “Nella crisi di governo c’erano solo uomini”

È lo slancio sull'attualità di Chiara Saraceno, che con la sua lezione magistrale anima oggi la seconda giornata del 19esimo Festival Filosofia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

CARPI (MODENA) – “Una cosa che mi ha impressionato della recente crisi di Governo è stata l’assoluta e predominante presenza di corpi e voci maschili, questo è il tratto che mi ha colpito della crisi, a farmi fisicamente impressione. Si discute tanto di quote femminili, ma anche nell’ambito della formazione di un Governo ci vorrebbe. Ma pure a Cernobbio, ‘il gotha dell’economia’, ho visto foto di soli uomini. Abbiamo un problema anche a livello simbolico, di presentazione”.

È lo slancio sull’attualità di Chiara Saraceno, che con la sua lezione magistrale anima oggi la seconda giornata del 19esimo Festival Filosofia in corso a Carpi. Centrata sulla disparità di genere, sui costi umani e sociali della disuguaglianza, la lezione di Saraceno di scena in piazzale Re Astolfo, terminata con un lungo applauso e seguita da varie domande, comincia dunque con un assaggio di politica.

Evidenzia la sociologa attorno al capitolo Governo: “Le donne appaiono sempre più una dimensione aggiunta, le donne non fanno parte del dialogo e del ‘discorso’. La quota maschile è quella che conta. Abbiamo un problema di monopolio maschile. Non un problema di quote rosa, ma di predominio blu”, sorride amaro Saraceno.

Che continua: “Tanti anni fa, i miei figli mi hanno chiesto: mamma, perché sempre gli uomini parlano di politica? Perché i conduttori tv sono sempre uomini? Ecco- tira le somme la filosofa- non mi sembra che oggi siamo in situazione molto diversa, rispetto a quella della fine degli anni ’70”.

Ma insiste la professoressa emerita al Wissenschaftszentrum fuer Sozialforschung di Berlino, citando ricerche e proiettando slide: “L’Italia si trova a metà classifica per quanto riguarda l’indice di disuguaglianza di genere in Ue, stando ai dati 2017. Allora c’era Renzi al Governo, e la sua squadra per metà era composta da ministre, anche se poi con la partita dei sottosegretari tutto questo è passato in cavalleria, diciamo. In ogni caso, oggi secondo queste graduatorie saremmo più indietro. Era l’unica cosa che era migliorata davvero, peccato”.

Restando sulla ‘regressione’, aggiunge Saraceno: “Oggi abbiamo una sola presidente di Regione donna in Italia, e due sole sindache di grandi città…”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»