Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Emiliano: “Focolaio di variante indiana a Brindisi, siamo preoccupati”

Il presidente della Regione Puglia invita alla prudenza perché la variante delta potrebbe essere meno sensibile ai vaccini. E su AstraZeneca: "Chi vuole fare il richiamo con lo stesso siero può farlo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alba Di Palo

BARI – La struttura per le maxi emergenze realizzata negli spazi della Fiera del Levante di Bari resterà attiva perché potrebbe consentire di affrontare lo “sviluppo di questa variante delta che stiamo seguendo attentamente e che ha ricominciato a fare contagiati in Inghilterra. C’è un focolaio a Brindisi che è stato strettamente monitorato e speriamo di aver individuato tutti i soggetti contagiati”. Lo ha detto il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano, a margine della conferenza stampa di presentazione della campagna contro gli incendi boschivi a Bari.

“IN PUGLIA SÌ AL RICHIAMO CON ASTRAZENECA PER CHI VUOLE FARLO”

“La variante delta – ha continuato il Presidente – ci preoccupa perché potrebbe essere meno sensibile delle precedenti ai vaccini. E potremmo non avere a ottobre l’effetto favorevole dell’immunità di gregge“. Emiliano ha dichiarato di aver avuto una telefonata con il commissario straordinario per l’emergenza sanitaria, il generale Francesco Figliuolo, che “ci ha assicurato che nonostante il cambio di strategia sulle seconde dosi rispetto alle prime fatte con AstraZeneca, il rifornimento di vaccino Pfizer o Moderna sarà sufficiente anche per fare le seconde dosi così come consigliate dal ministero della Salute. Chi volesse fare la seconda dose con Astrazeneca avrà questa possibilità – ha sottolineato Emiliano -, fermo restando che l’atto della vaccinazione è l’atto del singolo medico quindi è il singolo medico che alla fine decide, consiglia e ricevere il consenso informato del paziente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»