Toti: “Chiederemo al governo un calendario delle riaperture, dobbiamo avere il coraggio di fare previsioni”

giovanni toti presidente liguria
Il presidente della Liguria e della Conferenza delle Regioni vorrebbe date precise sulle ripartenze degli esercizi commerciali, e spera si possa cominciare già l'ultima settimana di aprile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “Domani in Conferenza Stato Regioni chiederemo al governo un calendario: dobbiamo avere il coraggio di fare delle previsioni. Non si riapre un albergo o un ristorante in tre ore, non si acquistano le scorte e non si assume il personale nell’arco di due giorni. Se devo aprire un albergo a Santa Margherita, mi volete dire quando potranno venire i milanesi e se ci sarà la mobilità tra le regioni? Altrimenti, lo apro per mio cugino che abita lì a fianco? E se devo assumere del personale, posso sapere quanti coperti potrò avere?”. Così il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, a “L’aria che tira” su La7.

“Chiederei di riaprire i ristoranti non solo all’aperto- prosegue il governatore- vorrei un calendario per riaprirli dove si può, utilizzando le fasce e cambiando i criteri, passando all’indice delle ospedalizzazioni e non più all’incidenza del virus. Dove si può, spero che si inizi a riaprire l’ultima settimana di aprile, dopo il 25, e magari qualcun altro si aggiungerà dopo il 3 maggio”.

LEGGI ANCHE: Zaia punta ad aprire in aprile: “Europei all’Olimpico a giugno? Allora liberi tutti”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»