Zaia punta ad aprire in aprile: “Europei all’Olimpico a giugno? Allora liberi tutti”

luca zaia
Il presidente della Regione Veneto ricorda che "il decreto prevede zone rosse e arancioni fino a fine aprile, ma anche un tagliando" e punta ad "avviare la fase di convivenza" col virus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Punta a riaprire già in aprile, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, che ricorda: “Il decreto prevede zone rosse e arancioni fino a fine aprile, ma anche un tagliando. Ed è giusto che si prenda in mano anche questo argomento”. Insomma, “con aprile qualcosa dovrà cambiare“, afferma Zaia, oggi in conferenza stampa dalla sede della Protezione civile regionale a Marghera. Anche perché “ho visto che l’11 giugno ci saranno gli Europei, Italia-Turchia, con 20.000 persone allo Stadio Olimpico liberi tutti allora: immagino che l’11 giugno sarà la fase finale della liberazione, e in mezzo abbiamo 60 giorni più o meno”.

In settimana, conclude Zaia, “si chiuderanno le linee guida per le aperture che saranno presentate dalle Regioni. Bisogna avviare la fase di convivenza”.

LEGGI ANCHE: Zaia: “La violenza non c’entra nulla con la democrazia”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»