Pasti all’ombrellone o in stanza, l’Emilia-Romagna prova a salvare l’estate

La Regione Emilia-Romagna è pronta a sostenere il turismo e propone alcuni rimedi, come lo steward da spiaggia, o il servizio pasti sotto l'ombrellone
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Per ‘salvare’ il turismo azzerato dal coronavirus, l’Emilia-Romagna si inventa lo stewart di spiaggia (“Non un poliziotto che sanzione, ma una figura rassicurante”) e il servizio di pasti direttamente sotto l’ombrellone e magari nella stanza d’albergo. Sono alcune delle novità sul quale è in atto il confronto tra la Regione e gli operatori del settore. Fin qui viale Aldo Moro ha già investito due milioni di euro per sanificare e dotare alberghi e campeggi di moderni ed efficienti sistemi di igienizzazione e un forte piano di comunicazione, che verrà lanciato al termine del lockdown.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’epidemiologo: “Con turismo locale spiagge gestibili, possibili gite in famiglia”

“Rilanceremo gli investimenti pubblici e la riqualificazione delle strutture private per dotarle del sostegno necessario ad affrontare la nuova fase del mercato”, promette l’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini. “Tutti dicono- afferma- che nulla sarà come prima, probabilmente è vero, ma non è detto che sarà peggio di come eravamo. Il mercato farà selezione, la domanda turistica cambierà, il moderno viaggiatore avrà nuove esigenze e valuterà le offerte sulla base di nuovi criteri: qualità e sostenibilità ambientale, affidabilità delle strutture in termini di salubrità, sicurezza sanitaria, dimensione degli spazi, servizi. Questo è il momento di far scattare una grande reazione, che può portare il turismo verso nuovi e più ambiziosi traguardi. Certo, dirlo ora potrà sembrare surreale, ma non lo è. È in situazioni come questa, dove tutto sembra perduto, che troveremo la spinta, le idee, il coraggio, la creatività per uscire da questo momento più forti e all’altezza delle sfide che ci attendono”. 

LEGGI ANCHE: VIDEO | Sip al lavoro per estate sicura: tre regole da seguire

Secondo i dati di uno studio commissionato dalla Regione all’osservatorio turistico di Unioncamere, l’impatto di Covid-19 sull’industria turistica emiliano-romagnola nel periodo marzo-agosto può essere calcolato in una perdita di 19,2 milioni di presenze (-42%) e in una riduzione del giro d’affari di un miliardo e 180 milioni di euro nella migliore delle ipotesi. Numeri che potrebbero salire a 28 milioni di presenze in meno (-62%) e una perdita di 1.800 milioni di euro in quello peggiore. Nel settore della ricettività, dettaglia una nota della Regione, il danno è stimato in una riduzione dei ricavi per le aziende alberghiere del 55%, per un miliardo di euro di minori entrate, e del 42% per la ristorazione, equivalente a 3,8 miliardi. Se poi si considera il valore aggiunto, quindi la ricchezza prodotta in termini di Pil, il calo oscilla fra il -12,43% e il -18,45% per il ricettivo e il -12% e il -15,5% per la ristorazione.

“Un quadro impietoso- sottolinea Corsini- di fronte al quale sarebbe facile farsi prendere dallo sconforto, ma noi non lo stiamo facendo e non lo faremo. Certo, la ripresa sarà faticosa, ma ancora una volta dimostreremo insieme di che pasta siamo fatti”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»