Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’accusa di De Luca: “Dal governo posizione irrispettosa verso la Regione Campania”

"È stata fatta un'operazione propagandistica lunedì per poter dire che è tutto aperto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Il governo ha impugnato un’ordinanza della Regione estremamente equilibrata e misurata. In Campania le scuole si sono aperte il 10 gennaio, tutte, tranne le elementari, le medie inferiori e le materne per una ragione di merito semplice: essendo quella la fascia d’età più bassa e non vaccinata in maniera ampia, ci è parso ragionevole prendere due settimane di respiro per avere poi la scuola in presenza in maggiore tranquillità. Ci siamo trovati di fronte a una posizione irrispettosa del governo nazionale, offensiva per la Regione Campani e incomprensibile”. Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nel corso di una diretta Facebook, è tornato sullo scontro con il governo dopo l’ordinanza numero 1 del 2022 che disponeva la ripresa delle lezioni in Dad dopo le festività natalizie.

“Il governo – ha ricordato – ha impugnato l’ordinanza della Regione Campania alle 22:15 di domenica sera, ma le scuole si aprivano il lunedì. Intanto, Comuni importanti e Regioni hanno prorogato l’apertura dell’anno scolastico, come la Sicilia, Palermo e Catania, dove i sindaci hanno fatto ordinanza di chiusura totale, ma il governo non ha impugnato nulla, a conferma che è stata fatta un’operazione propagandistica lunedì per poter dire che è tutto aperto”. 

“In questo momento in Campania – conclude De Luca – abbiamo 111 Comuni in cui non si sono riaperte le scuole”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»