NEWS:

Grande Fratello, bufera su Paolo ‘il macellaio’. Ecco cosa ha detto

Il 23enne romano al centro della polemica per alcune sue affermazioni

Pubblicato:13-09-2023 15:50
Ultimo aggiornamento:14-09-2023 09:59
Autore:

poalo macellaio grande fratello
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – A 48 ore dall’inizio della nuova edizione, è già bufera su uno dei concorrenti del Grande Fratello. A finire nell’occhio del ciclone è il ‘Nip’ Paolo Masella. Il macellaio romano di 23 anni ha acceso diverse polemiche a causa di alcune dichiarazioni che non sono piaciute al pubblico. I video hanno fatto il giro del web, raccogliendo numerose critiche sui social.

LEGGI ANCHE: Chi è Giselda Torresan, la concorrente più chiacchierata del Grande Fratello
LEGGI ANCHE: Grande Fratello, i primi 15 concorrenti: cosa è successo nella prima puntata

‘NAPOLI HA POCA CULTURA’

Ieri sera, parlando con gli altri inquilini delle città italiane ricche di patrimonio culturale, Paolo ha escluso Napoli perché “c’ha poca storia culturale, nel senso di artistica. Nel senso che ti direi Roma e, dopo Roma, Firenze e Venezia”. A nulla è valso l’intervento del coinquilino Massimiliano Varrese, che ha sottolineato come in realtà il capoluogo campano sia, al contrario, ricco di storia e cultura. “Se io ci vado in giro, non ci vedo, come ti posso spiega, Colosseo, Circo Massimo. Ci sono regioni che mi trasmettono più cultura”.


‘LE DONNE CHE BACIANO AL PRIMO APPUNTAMENTO…’

Paolo è finito nuovamente nella bufera per alcune affermazioni sulle donne. Secondo il macellaio, infatti, se una ragazza dà un bacio al primo appuntamento “raggiungo l’obbiettivo e sparisco, perché è quello che sei anche tu che vuoi”.

E SU ALEX SCHWAZER…

Questa mattina Paolo è stato nuovamente attaccato per un’espressione infelice rivolta ad Alex Schwazer. Il campione olimpico, che in passato ha avuto problemi di doping, si stava allenando sul tapis roulant quando il 23enne gli si è rivolto dicendo “Oggi te ricominci a drogà eh“, per poi correggersi immediatamente “a fa gli integratori”. Un lapsus che non è stato privo di critiche sul web.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy