Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Morto Gino Strada, il fondatore di Emergency aveva 73 anni

gino strada imago
Proprio oggi sul quotidiano La Stampa era uscito un articolo a sua firma sull'avanzata dei talebani in Afghanistan
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Gino Strada, medico e fondatore della ong Emergency, è morto oggi all’età di 73 anni. A dare la notizia sono state fonti vicine alla famiglia.

Nato a Sesto San Giovanni nel 1948, chirurgo di guerra per il Comitato internazionale della Croce Rossa in scenari come l’Afghanistan e la Somalia, ha fondato Emergency nel 1994 con la moglie Teresa Sarti.

Proprio oggi sul quotidiano La Stampa era uscito un articolo a sua firma sull’avanzata dei talebani in Afghanistan, dal titolo ‘Così ho visto morire Kabul’.

LA FIGLIA CECILIA: “STAVO SALVANDO VITE, COME LUI MI HA INSEGNATO

“Amici come avrete visto il mio papà non c’è più. Non posso rispondere ai vostri tanti messaggi che vedo arrivare, perché sono in mezzo al mare e abbiamo fatto un salvataggio- ha scritto Cecilia Strada, la figlia, sui social- Non ero con lui, ma di tutti i posti dove avrei potuto essere… beh ero qui con la ResQ – People saving people a salvare vite. È quello che mi hanno insegnato mio padre e mia madre. Vi abbraccio tutti, forte, vi sono vicina, e ci sentiamo quando possiamo”.

MATTARELLA: “RIPUDIAVA LA GUERRA IN COERENZA CON LA COSTITUZIONE”

“Gino Strada ha recato le ragioni della vita dove la guerra voleva imporre violenza e morte. Ha invocato le ragioni dell’umanità dove lo scontro cancellava ogni rispetto per le persone. La sua testimonianza, resa sino alla fine della sua vita, ha contribuito ad arricchire il patrimonio comune di valori quali la solidarietà e l’altruismo, espressi, in maniera talvolta ruvida ma sempre generosa, nel servizio alla salvaguardia delle persone più deboli esposte alle conseguenze dei conflitti che insanguinano il mondo”. Così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. “In coerenza con la nostra Costituzione che ripudia la guerra, Gino Strada ha fatto di questa indicazione l’ispirazione delle azioni umanitarie sviluppate in Italia e all’estero, esprimendo, con coraggio, una linea alternativa allo scontro tra i popoli e al loro interno. Nell’esprimere le più sentite condoglianze alla famiglia e a quanti gli sono stati vicini, rendo onore alla sua figura”.

DRAGHI: “SEMPRE DALLA PARTE DEGLI ULTIMI, EMERGENCY SUO LASCITO

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha appreso “con tristezza della morte di Gino Strada. Ha trascorso la sua vita sempre dalla parte degli ultimi, operando con professionalità, coraggio e umanità nelle zone più difficili del mondo. L’associazione Emergency, fondata insieme alla moglie Teresa, rappresenta il suo lascito morale e professionale. Alla figlia Cecilia, a tutti i suoi cari e ai colleghi di Emergency, le più sentite condoglianze del Governo”.

CASELLATI: “HA PORTATO SPERANZA AGLI ULTIMI”

“Cordoglio per la scomparsa di Gino Strada, un uomo che ha dedicato la vita agli altri e ha contribuito a portare speranza tra gli ultimi, spingendosi in ogni angolo del mondo”. Così la presidente del Senato Elisabetta Casellati.

FICO: “UN VERO COSTRUTTORE DI PACE”

“Quanto ci mancherà Gino Strada, l’impegno e il coraggio di un vero costruttore di pace. La sua umanità e una missione: essere al fianco degli ultimi in tutto il mondo. Grazie per tutto quello che hai fatto. Un abbraccio ai suoi cari”. Lo dice il presidente della Camera Roberto Fico.

IL MINISTRO SPERANZA: “LA SUA LEZIONE È DIFENDERE L’UOMO E LA SUA DIGNITÀ SEMPRE E DOVUNQUE”

“Difendere l’uomo e la sua dignità sempre e dovunque. Questa la lezione più bella di Gino Strada che non dobbiamo dimenticare mai. La mia vicinanza ai suoi cari e a tutta @emergency_ong”. Lo scrive su Twitter il ministro della Salute, Roberto Speranza.

PADRE ZANOTELLI: “UN TONFO AL CUORE, NON NE POTEVA PIÙ DELLA GUERRA”

La notizia della morte di Gino Strada, “con cui eravamo molto amici”, è arrivata come un “tonfo al cuore”. A cui si è aggiunta la consapevolezza che “l’Italia ha appena perso uno degli uomini che più si è impegnato contro l’assurdità della guerra e che più ha aiutato chi soffriva a causa dei conflitti”. A parlare è padre Alex Zanotelli, una vita come missionario, fondatore di numerose organizzazione pacifiste e direttore fin dalla sua nascita della rivista ‘Mosaico di pace’.

Il religioso commenta all’agenzia Dire la morte di Strada, medico chirurgo e fondatore della ong Emergency deceduto oggi all’età di 73 anni. “Ci siamo conosciuti negli anni ‘90 a Korogocho, slum alla periferia di Nairobi, in Kenya”, ricorda padre Zanotelli, che poi dedica un pensiero al loro ultimo incontro, nella Riace dell’integrazione e dell’allora sindaco Mimmo Lucano, nel 2018. “Noi eravamo lì in Calabria, lui era in collegamento e già non stava molto bene, era stata un’occasione per parlare”.

Di Strada il missionario vuole evidenziare “la passione” e il fatto che “aveva conosciuto bene la guerra e la sofferenza che provoca ed era arrivato a un punto in cui non ne poteva più accettare neanche l’idea”.

Guerre “assurde”, dice padre Zanotelli, come quella che torna in questi giorni a sferzare l’Afghanistan, dove Strada era stato anni come chirurgo di guerra con il Comitato della Croce Rossa e in cui era tornato con Emergency, che oggi nel Paese dell’Hindukush conta due centri chirurgici per vittime di guerra, un centro chirurgico e pediatrico, un centro di maternità e una rete di 44 Posti di primo soccorso. Proprio oggi, sul quotidiano La Stampa, era stato pubblicato un articolo che Strada aveva dedicato alla situazione nel Paese, dal titolo ‘Così ho visto morire Kabul’. “È stato uno di quelli che più hanno lottato contro un conflitto insensato come quello, costato un’assurdita’ come 3mila miliardi“, dice padre Zanotelli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»