Rai, Zanin: “Puntiamo a notiziari in friulano e a rafforzare la sede di Udine”

Piero Mauro Zanin
Il presidente del consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia e l'assessore Pierpaolo Roberti non si accontentano delle trasmissioni in lingua locale, ma servono risorse strutturali e umane in madrelingua
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – “La Regione non si accontenta delle trasmissioni in lingua friulana, punta ai notiziari di informazione e al rafforzamento della sede di Udine, con personale specializzato e tecnologie all’altezza. Gli obiettivi sono ambiziosi, la strada è lunga ma passo dopo passo ci arriveremo”. Così oggi il presidente del consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia Piero Mauro Zanin e l’assessore Pierpaolo Roberti si sono espressi durante la conferenza stampa che presentava gli atti del recente convegno sulle lingue minoritarie in Rai, in vista della nuova convenzione.

“È importante– rileva Zanin- che si possa parlare in friulano in televisione, ma si tratta ancora di un piccolo passo, dobbiamo tenere alta l’attenzione su questo tema”. Secondo il presidente del Consiglio regionale, servono risorse strutturali e umane in madrelingua, e l’informazione in friulano per avvicinare la lingua alla cronaca e renderla ancora più attuale. Zanin proporrà al governatore Massimiliano Fedriga di inviare al dipartimento per l’informazione di Palazzo Chigi, una nota congiunta di Consiglio e giunta sul tema, per incalzare Roma. Idea subito condivisa da Roberti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»