Conte a reti unificate? Fico lo difende: “Non siamo in Corea del Nord”

"E' chiaro che non siamo in Corea del nord, tutti possono esprimersi e parlare, dice il presidente della Camera commentando l'ultimo discorso di Conte contenente l'attacco alle opposizione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “E’ chiaro che non siamo in Corea del nord, tutti possono esprimersi e parlare, abbiamo la nostra Costituzione, abbiamo il Parlamento, abbiamo le Regioni, abbiamo un Paese che sta facendo sistema”, dice il presidente della Camera su Rai Radio Uno, rispondendo a una sollecitazione dei conduttori circa lo scontro maggioranza-opposizione scatenato dall’ultimo discorso tv a reti unificate del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

LEGGI ANCHE:

Conte attacca, Salvini sbotta: “Comizio contro le opposizioni, roba da Unione Sovietica”

 Meloni: “Da Conte metodi da regime. Mattarella tace?”

 

“C’È UNITÀ NAZIONALE E CITTADINI NON VOGLIONO LITIGI”

“L’Italia sta affrontando in modo forte questo virus e questa emergenza, e si potrebbe scoprire più comunità di come pensava di essere”. Quindi “al di là delle polemiche politiche che possono nascere” c’è “un’unità nazionale e una voglia di uscire dall’emergenza“, e “al di là di parole forti oppure dei problemi tra Regioni e governo nazionale si sta andando avanti uniti per risolvere l’emergenza”, dice Fico su Rai Radio Uno.

“Quello che i cittadini italiani non vogliono vedere è alcun tipo di litigio”, dice Fico, “ma vuole ascoltare e sentire che tutti insieme stiamo superando l’emergenza”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»