Coronavirus, a Bologna sospesi i corsi preparto: “Guardate video”

Annullate le visite preparatorie per l'epidurale nei diversi ospedali in città, ma dalle strutture assicurano: "Verranno recuperate più avanti"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – L’emergenza coronavirus ferma anche i percorsi di preparazione al parto. E così a Bologna, alle donne che avevano già iniziato facendo i primi incontri, non resta che affidarsi ai ‘tutorial’ online. L’invito a guardare i corsi video, ad esempio, è stato rivolto ad alcune aspiranti mamme che hanno visto interrompersi a metà il percorso di preparazione al parto iniziato all’ospedale di Bentivoglio. L’Ausl di Bologna, in effetti, per evitare assembramenti e per ridurre il più possibile l’accesso alle strutture sanitarie, nel rispetto dunque delle restrizioni previste dai decreti della presidenza del Consiglio dei ministri, ha sospeso tra l’altro i corsi di preparazione al parto e di accompagnamento alla nascita, anche nei consultori familiari. Sono invece garantiti i prelievi previsti nel percorso nascita e i controlli ostetrici.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, è pericoloso in gravidanza?

COSA CAMBIA PER L’EPIDURALE

Discorso diverso invece per l’anestesia epidurale. Sia l’Ausl che il Policlinico Sant’Orsola hanno modificato il percorso per ottenerla, sempre “allo scopo di proteggere mamme e operatori dai rischi connessi all’emergenza in corso”. Gli incontri preparatori dunque “sono sospesi per tutta la durata dell’emergenza“: al Sant’Orsola ad esempio il primo era in programma il prossimo 21 marzo. Per quanto riguarda le donne seguite dall’ospedale Maggiore, spiega l’Ausl, chi vuole richiedere l’epidurale dovrà compilare un modulo online e sarà ricontattato in un secondo momento. Le donne seguite dall’ospedale di Bentivoglio, invece, dovranno “dichiarare la loro volontà al momento della telefonata per l’appuntamento di presa in carico”.

LEGGI ANCHE: L’emergenza Coronavirus durerà fino a giugno

E’ capitato in questi giorni che anche esami e visite preparatorie per l’epidurale venissero annullate, sempre a causa dell’emergenza covid-19. Ma, assicura l’Ausl, saranno recuperati prossimamente o, al più tardi, fatti direttamente alla presa in carico all’ingresso in ospedale. Infine, al Policlinico sarà possibile “prenotare direttamente gli esami e la successiva visita anestesiologica nei tempi appropriati” compilando il modulo ad hoc, da inviare per posta elettronica o inserendolo nella buchetta dedicata al padiglione 4. Le donne invece che, prima di questa emergenza, hanno già completato il percorso (incontro informativo, esami e visita di preparazione da fare tra il settimo e l’ottavo mese di gravidanza) “non hanno alcun problema”, assicurano Ausl e Sant’Orsola, e in sala parto “l’epidurale sarà garantita“.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Bologna chiude i parchi fino al 2 aprile: “Troppa gente disobbedisce”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»