Coronavirus, è pericoloso in gravidanza?

"Conoscendo da poco tempo questa malattia abbiamo pochissimi dati", scrive la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri in una nota
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La recente epidemia da virus SARS-CoV-2 (comunemente detto Coronavirus di Wuhan) e’ relativamente poco conosciuta, essendo causata da un virus che finora non aveva mai infettato l’uomo. Abbiamo quindi pochi dati sulla popolazione generale e a maggior ragione in gravidanza. Sappiamo che le malattie di tipo influenzale che colpiscono le donne in stato interessante hanno una gravita’ maggiore anche per l’elevata serieta’ dei sintomi e delle complicanze di tipo respiratorio.

LEGGI ANCHE: No, il coronavirus non è una semplice influenza: la fondazione Veronesi spiega perchè

In epidemie passate, proprio le donne in gravidanza rappresentavano una categoria ad alto rischio per complicazioni e addirittura decesso. In base a queste esperienze possiamo ipotizzare che i sintomi causati da questo tipo di Coronavirus possano essere piu’ seri e preoccupanti nelle donne in gravidanza. I sintomi conosciuti della malattia causata da questo virus sono principalmente febbre, tosse, malessere generale, mal di gola. Nella donna in gravidanza potrebbero essere piu’ presenti sintomi di tipo respiratorio, come la dispnea (difficolta’ a respirare), fino all’insufficienza respiratoria che richiede ventilazione, e l’affaticamento”. Lo scrive in una nota la Fnomceo.

In caso di gravidanza, il feto corre rischi particolari?

Conoscendo da poco tempo questa malattia abbiamo pochissimi dati. Alcuni provengono da uno studio effettuato su nove gestanti nel terzo trimestre di gravidanza, che mirava a controllare lo stato dei neonati di donne colpite dal Coronavirus. Tutte queste donne hanno partorito con taglio cesareo quindi non conosciamo l’entita’ del rischio di contagio “intrapartum” (cioe’ tramite parto spontaneo). Sappiamo che le donne hanno avuto tra i sintomi febbre (non superiore a 38 C) e in alcuni casi tosse e dolori articolari. Le complicanze delle gravidanze studiate sono state un caso di rottura prematura delle membrane e un caso di distress fetale. Negli esami di controllo si evidenziavano (anche se non per tutte le pazienti) indici di infiammazione elevati e aumento degli enzimi epatici, oltre ai tipici segni polmonari dell’infezione da Coronavirus agli esami radiologici. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus e assenze da lavoro, cinque casi

I neonati sono nati tutti vivi, vitali e senza nessun caso di asfissia neonatale, tutti avevano un punteggio Apgar superiore a 8 (quindi in buona salute) un minuto dopo la nascita. Non c’e’ stata nessuna evidenza di passaggio attraverso la placenta, e quindi al feto, del virus. Per concludere si puo’ ragionevolmente dedurre che questa infezione non causi particolari danni ai feti di donne in gravidanza al terzo trimestre. Restano da approfondire le complicazioni materne e gli eventuali danni per infezioni in epoche precoci (primo trimestre) di gravidanza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»