Via libera al Recovery Plan, ma Italia Viva si astiene

bellanova_bonetti
Matteo Renzi ha annunciato che in mattinata si decideranno le eventuali dimissioni delle ministre Bellanova e Bonetti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Consiglio dei ministri si è concluso poco dopo l’una di notte con l’approvazione del Recovery Plan e una spaccatura importante: le ministre di Italia Viva Bonetti e Bellanova si sono astenute dalla votazione.

 “Io penso che Conte annuncerà di avere altri parlamentari a suo sostegno e quindi nasce il governo Conte-Mastella. Domani mattina (oggi, ndr) decideremo e nel pomeriggio daremo comunicazione alle stampa“, ha annunciato Matteo Renzi nel corso della trasmissione Cartabianca su Rai Tre. “Loro hanno già trovato i numeri per il nuovo governo. Si passa dal governo Conte-Salvini, al Conte-Zingaretti, al Conte-Mastella. Tanti auguri, ma io non sono disponibile al più grande sperpero di denaro pubblico che ci sia mai stato”, commenta Renzi, ribadendo l’importanza del Mes. “Il Recovery plan è già migliorato e lo stanno riconoscendo tutti”, ha detto, sempre su Raitre. “Un passo in avanti e’ stato fatto. E’ sufficiente? Vediamo. Io ho l’impressione che manchi una cosa fondamentale che si chiama Mes, che sono 36 miliardi per la sanità. E Conte più per accontentare i M5s che per un fatto suo, non li vuol prendere” 

“Se Bellanova decide di rinunciare a un posto da ministro significa che ha una nobiltà d’animo che altri si sognano”, osserva Matteo Renzi nel corso di Cartabianca su Rai Tre. “La ministra Bellanova, la ministra Bonetti sono due persone che credono nella politica come servizio. A quelli che credono che noi vogliamo più poltrone, dico che noi rinunciamo alle poltrone”, aggiunge Renzi. Il leader di Iv rivela che a lui e ai suoi colleghi sono state fatte offerte per restare in maggioranza. “A noi ci stanno offrendo di tutto in questo momento. Non svelo segreti. Io ho detto e ripeto che non si può risolvere questa tematica complicata dando poltrone “.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»