Salvini: “Nessuna intenzione di schedare i magistrati, non ho tempo e voglia”

"Ognuno è libero di esprimere il suo pensiero", dice Salvini, che a proposito dei rilievi su alcuni giudici dice: "Abbiamo solo riportato dichiarazioni pubbliche fatte su giornali o a convegni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non abbiamo tempo nè voglia, e non ci sfiora lontanamente l’idea di schedare alcunchè o di indagare su chiunque amministri la giustizia. Abbiamo semplicemente riportato delle dichiarazioni pubbliche fatte su giornali, convegni e siti internet contrari alle iniziative del ministro, del governo e del parlamento sui temi dell’immigrazione e del contrasto ad alcune illegalità. Ognuno per carità è libero di esprimere il suo pensiero”. Lo dice il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, durante il question time in aula alla Camera sull’annunciata impugnazione di sentenze relative alle cosiddette ‘zone rosse’ a Firenze e di quelle dei tribunali di Firenze e Bologna che hanno ordinato l’iscrizione all’anagrafe di alcuni richiedenti asilo.

Migranti, i magistrati contro Salvini: “Attacchi fuori da Costituzione”. La Corte appello Firenze chiama il Csm

“Noi – aggiunge il leader della Lega- andremo avanti perchè per me viene prima la sicurezza dei cittadini italiani. Su questo non ci fermiamo davanti a niente e nessuno. L’unico obiettivo è la legge”.

Il tribunale di Bologna smonta il dl Sicurezza: “Lede diritti costituzionali”. L’ira di Salvini: “Vergogna, giudici si candidino con la sinistra”

Bongiorno: “Per i magistrati serve test psicoattitudinale”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»