hamburger menu

“Senza barriere nella Valle delle orchidee”, il progetto per un turismo accessibile in Campania

L'evento si terrà il prossimo 14 maggio a Sassano, comune cilentano in provincia di Salerno

6-Orchis-pauciflora-Ten.-1030x687

NAPOLI – ‘Senza barriere nella Valle delle orchidee’ è il tema dell’evento all’aperto dedicato al turismo accessibile, patrocinato dal Consiglio regionale della Campania e dal Comune di Sassano (Salerno) e organizzato dal Parco nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, con la collaborazione del centro clinico Nemo di Napoli, dell’unione italiana lotta alla distrofia muscolare e dell’ecomuseo delle antiche coltivazioni di Sassano, che si terrà nel comune cilentano il prossimo sabato 14 maggio. La presentazione dell’iniziativa si è tenuta in conferenza stampa nella sede del Consiglio regionale della Campania, con la partecipazione del presidente del Consiglio regionale della Campania Gennaro Oliviero, dell’assessore regionale al Turismo Felice Casucci, del consigliere regionale e presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni Tommaso Pellegrino, del sindaco di Sassano Domenico Rubino, del Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Campania Paolo Colombo, del direttore del centro clinico Nemo Salvatore Dongiovanni, del coordinatore amministrativo del centro clinico Nemo Francesco Lettieri, del rappresentante della Uildm di Napoli Salvatore Leonardo.

“Con questa iniziativa – ha detto Pellegrino – vogliamo dare un segnale forte a quanti ritengono che i nostri luoghi di pregio nell’area Parco siano generalmente inaccessibili per chi ha problemi motori o disabilità. A Sassano annoveriamo oltre 230 varietà di orchidee selvatiche che sono osservate da studiosi di tutto il mondo e abbiamo individuato un percorso dedicato a questo straordinario patrimonio naturalistico senza barriere per chi vuole vivere un’esperienza emozionale forte. Un progetto che diventerà stabile nell’ambito della nostra offerta turistica perché siamo convinti che bisogna investire sempre più nel turismo accessibile, coinvolgendo le associazioni come la Uildm e il mondo del volontariato, oltre alle amministrazioni locali, a dimostrazione che le sinergie sono importanti per abbattere concretamente ogni forma di barriera”.

Per Oliviero “il tema di questa iniziativa è molto importante e spinge anche le altre amministrazioni comunali ad intensificare lo sforzo a favore delle persone con disabilità per rendere totalmente fruibile il nostro territorio, liberandolo dalle barriere architettoniche, e creando occasioni di incontro e di condivisione che favoriscono la crescita della nostra civiltà”.

“L’impegno del presidente De Luca e dell’intera giunta regionale a favore delle persone con disabilità – ha evidenziato Casucci – è forte, sono importanti le risorse impegnate per la rimozione delle barriere architettoniche e per la piena integrazione sociale e per sviluppare un turismo accessibile, particolarmente nelle aree interne, ma anche puntando su altri territori, come il litorale domitio-flegreo, che, in questa ottica, hanno notevoli potenzialità”.

Secondo Rubino “la realizzazione di un turismo accessibile nelle zone interne è una grande intuizione per dare a tutti i cittadini la possibilità di cogliere queste opportunità. Garantiremo a tutte le persone con problemi motori la possibilità di usufruire di guide specializzate che illustreranno le nostre bellezze”.

Soddisfazione è stata espressa anche da Colombo: “La progettazione accessibile e inclusiva come quella presentata oggi è un tema fondamentale di uguaglianza e pari opportunità. La disabilità non è un mondo a parte ma una parte del mondo”. Il programma per sabato prossimo, a Sassano, prevede alle 10 l’accoglienza nella sede dell’ecomuseo della Valle delle orchidee e delle antiche coltivazioni di Sassano, alle 10:30 l’incontro con le istituzioni e la visita all’ecomuseo di Sassano, alle 11:30 l’escursione della Uildm ,con la partecipazione di persone con disabilità, “Senza barriere nella Valle delle orchidee”, e alle 15 i laboratori sensoriali ed esperienziali con le piante spontanee aromatiche del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. 

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-12T17:19:22+02:00