Decreto Sicurezza, Salvini: “M5s bastian contrari, non accetto i ‘signor no'”

"Le uniche cose che voglio bloccare sono i barconi perchè il resto poi lo voglio portare avanti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il vicepremier Matteo Salvini tiene il punto sul decreto sicurezza e risponde alle accuse del Movimento 5 stelle. “I bastian contrari e i signor ‘no’ all’Italia non servono, abbiamo bisogno di gente che aiuti l’Italia a tornare a correre e ad aiutare le imprese”, prosegue Di Maio. “Portare rispetto, ordine e disciplina in questo Paese è urgente – aggiunge il leader della Lega- lo dico anche ai colleghi M5s. Poi se qualcuno ha idee in piu’ da aggiungere sono le benvenute, l’unica cosa che non accetto sono i ‘no punto’ perchè l’Italia non ha bisogno di ‘no punto’, l’Italia non ha bisogno di cose da bloccare ma di cose da fare. Le uniche cose che voglio bloccare sono i barconi perché il resto poi lo voglio portare avanti”. Il ministro dell’Interno continua: “Senza nessun intento polemico, non accetto dai colleghi di governo ‘No, non mi piace’. Articola il ‘perché no’ a norme per aiutare i poliziotti, fermare gli scafisti e sconfiggere i delinquenti”.

SALVINI: DA QUESTA ESTATE TASER IN NORMALE DOTAZIONE FORZE ORDINE

Un 42enne pregiudicato, ricoverato nel reparto di pschiatria dell’ospedale Santa Maria Annunziata di Firenze, ha dato in escandescenze e ha aggredito le Forze dell’Ordine intervenute per calmarlo. Grazie al Taser, l’uomo è stato immobilizzato. “La pistola elettrica funziona e si dimostra uno strumento prezioso per le Forze dell’Ordine: la sperimentazione è quasi finita, da questa estate sarà nella normale disponibilità delle donne e degli uomini in divisa. Dalle parole ai fatti”, dichiara il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

MIGRANTI, SALVINI: GIUDICI CATANIA MI PROCESSINO, VADO A TESTA ALTA

“Lo dico con la massima tranquillità: signori del Tribunale dei ministri di Catania, se volete processarmi fatelo pure e arrivo a testa alta perché io ho difeso i confini e la sicurezza del mio Paese. Ma non fatemi perdere tempo. Indagare un ministro perché per quattro giorni ha bloccato su un barcone dei migranti…e che cazzo… Ma va bene, comunque male non fare e paura non avere”. 

BANCHE, SALVINI: CAMBIEREMO DIRETTIVA UE, NO A BOLLINO PER RISARCIMENTI

“Le banche ci hanno messo sulla testa una direttiva che è una delle prime che dobbiamo cambiare perché se salta una banca adesso non paga la banca ma i risparmiatori. Abbiamo messo con questo governo a bilancio 1 miliardo e mezzo di euro per risarcire gli italiani truffati dalle banche, ma in molti casi stiamo ancora aspettando perche’ serve il permesso dell’Ue”. Cosi’ il ministro dell’Interno da Sanremo. “Io voglio andare in Europa- continua- perche’ me ne frego dei permessi dell’Ue. Sono soldi degli italiani, da dare agli italiani, rubati agli italiani, che vogliamo restituire e non abbiamo bisogno del bollino blu come per la banana Chiquita. Ma soprattutto, visto che sono soldi degli italiani, per quale benedetto motivo devo aspettare che un burocrate di Bruxelles mi dia il timbro? Io li voglio licenziare quei burocrati di Bruxelles”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»