Migranti, Pizzarotti ordina di iscrivere i richiedenti asilo all’anagrafe

Da Pizzarotti arriva una direttiva in contrasto con quanto previsto dal decreto Immigrazione Sicurezza. Nel testo si cita la sentenza del giudice civile di Parma sulla richiesta di un richiedente asilo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PARMA – Da oggi i richiedenti asilo potranno iscriversi all’anagrafe del Comune di Parma. A stabilirlo una direttiva del sindaco Federico Pizzarotti, in contrasto con quanto previsto dal decreto Immigrazione Sicurezza, oggi trasformato in legge, che impediva l’accesso alle liste delle amministrazioni comunali ai migranti in attesa del riconoscimento del loro stato giuridico. La decisione dell’amministrazione parmigiana arriva dopo una importante sentenza del tribunale di Parma che si era espressa sul ricorso di un richiedente asilo, il quale si era visto rifiutare l’accesso alla residenza da parte del Comune. Il giudice civile aveva ordinato al sindaco “l’immediata iscrizione nel registro anagrafico della popolazione residente” del migrante, spiegando che la residenza è un requisito fondamentale per la dignità della persona e che la richiesta di asilo sia titolo sufficiente per averne diritto. È lo stesso sindaco Pizzarotti, nella sua direttiva, a richiamare quella sentenza e a spiegare come l’iscrizione anagrafica “rappresenti un presupposto necessario per beneficiare di alcuni diritti e servizi fondamentali (come ad esempio il servizio sanitario) che possono essere riconosciuti solo a coloro che siano stabilmente e legittimamente presenti sul territorio, oltre che un indispensabile strumento di controllo del territorio stesso da parte delle istituzioni”.

Il passaggio fondamentale dell’atto sottoscritto dal primo cittadino arriva però alla fine del testo, dove Pizzarotti dispone che “i propri delegati pro-tempore con funzioni di ufficiali di anagrafe, procedano all’iscrizione anagrafica dei soggetti richiedenti asilo politico“.

Soddisfazione per la decisione arriva dalla onlus parmigiana Ciac (Centro immigrazione asilo cooperazione) per cui “quella per l’ottenimento della residenza a chi fa richiesta di asilo è una battaglia che politicamente portiamo avanti sin dallo scorso settembre, quando emerse la prima stesura di quello che sarebbe diventato il decreto Sicurezza e Immigrazione, oggi convertito in legge”. Come realtà dell’accoglienza, aggiunge il Ciac, “abbiamo sempre sostenuto che la residenza sia fondamentale non solo per garantire ai cittadini migranti i loro diritti, ma anche per permettere una accoglienza vera che possa portare ad una integrazione reale“. Certamente, conclude la onlus, “la battaglia per la garantire i diritti di chi lascia il proprio paese non finisce oggi, ma si tratta di un passo avanti importante”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»