Recovery, De Luca: “Impediremo l’ennesimo furto ai danni del Sud”

vincenzo de luca
"I fondi Ue sono stati destinati all'Italia per recuperare il divario Nord-Sud, ma il governo vuole fare esattamente il contrario"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Promuoveremo un incontro con tutte le altre Regioni del Sud per una risposta istituzionale forte e solleciteremo i gruppi parlamentari ad assumere comportamenti corretti. Misureremo la coerenza e la serietà di tutte le forze politiche, nessuna esclusa, e verificheremo se i parecchi ministri campani daranno cenni di esistenza oppure no“. Così Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, annunciando, in una diretta su Facebook, una “iniziativa forte” per impedire “che un ennesimo furto ai danni del Sud” si verifichi nello stanziamento delle risorse europee. “I fondi Ue – sottolinea – sono stati destinati all’Italia per recuperare il divario Nord-Sud in termini di Pil e disoccupazione, ma il governo anziché destinare il 66% delle risorse al Sud e il 34% al Nord vuole fare esattamente il contrario”. De Luca ha anche criticato il percorso indicato dal governo sul Recovery Fund, spiegando che sono “motivate le critiche rispetto a un modello di gestione con decine di tecnici che dovrebbero utilizzare 209 miliardi”. Il governatore ha inoltre sottolineato che ci sono alcuni capitoli “sotto finanziati, come la sanità, solo 9 miliardi, o il turismo, capitolo completamente assente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»