Recovery, De Luca: “Pnrr? Chi ha scelto questo nome merita due anni di carcere”

"È come quei nomi che si danno a nuove galassie che vengono scoperte", ironizza il governatore della Campania Vincenzo De Luca
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Pnrr: Chi ha scelto questo nome meriterebbe due anni di carcere”, dice, in una diretta Facebook, il governatore della Campania Vincenzo De Luca.
“Pnrr – spiega – significa Piano nazionale di ripresa e resilienza. Resilienza è un termine dal significato sconosciuto al 90% dei cristiani normali. Pnrr è come quei nomi che si danno a nuove galassie che vengono scoperte. Resilienza è una parola inventata da coloro che sono passati dall’essere fiduciosi a essere confidenti nel futuro. Confidenti fa più radical chic”.

“PER IL SUD SEGUIRE IL MODELLO DELLA GERMANIA DOPO LA CADUTA DEL MURO”

“È positivo aver conquistato le risorse del Recovery – spiega De Luca-, ma ci sono due criticità. La prima riguarda la quantità di risorse destinate al Sud: hanno dato il 40% delle risorse, ma non è così. Per arrivare al 40% hanno utilizzato un capitolo finanziario che già esisteva, il Fondo Sviluppo e Coesione, che raccoglie risorse già destinate al Sud. Se vogliamo affrontare seriamente il problema del sud dobbiamo fare come ha fatto la Germania dopo la caduta del muro di Berlino. Ma in Italia non sta accadendo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»