Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Parlamento europeo condanna Polonia per la legge anti-aborto: “Garantisca accesso a servizi sicuri e gratuiti”

violenza_donne
La risoluzione di condanna è stata approvata con 373 voti favorevoli, 124 contrari e 55 astensioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Il Parlamento europeo ha approvato oggi una risoluzione che condanna la sentenza del Tribunale costituzionale polacco che impone un divieto pressoché assoluto dell’aborto. La risoluzione invita il governo polacco a garantire rapidamente e pienamente l’accesso a servizi di aborto sicuri, legali e gratuiti per tutte le donne. Ferma la condanna dell’Europarlamento che reputa la sentenza polacca sull’aborto “un ulteriore esempio di acquisizione del controllo politico da parte della magistratura e del collasso sistemico dello Stato di diritto in Polonia”. Negli ultimi dieci mesi, solo 300 donne polacche hanno avuto accesso ai servizi per l’aborto negli ospedali a causa di una minaccia per la vita e la salute. Nell’ultimo anno, Aborto senza frontiere ha aiutato 34.000 donne provenienti dalla Polonia ad accedere all’aborto. La risoluzione è stata approvata con 373 voti favorevoli, 124 contrari e 55 astensioni.

LEGGI ANCHE: FOTO | In Polonia stop all’aborto terapeutico, la reporter: “Il governo toglie i diritti e in cambio fa la carità”

Legge anti-aborto, lanciata petizione per ritiro dell’ambasciatore italiano in Polonia

La Polonia si ribella, dopo le proteste il Governo torna indietro sull’aborto

FOTO | VIDEO | Polonia, rose bianche e rosse all’ambasciata di Roma per il diritto all’aborto

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»