Saviano presenta a Roma il libro di Daphne Caruana Galizia

L'evento, a ingresso libero fino ad esaurimento posti, si terrà martedì 15 ottobre all'Ambra Jovinelli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – In occasione dell’anniversario della scomparsa della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia il teatro Ambra Jovinelli a Roma le rende omaggio con ‘Parole come munizioni’, una serata dedicata alla presentazione del suo libro ‘Dì la verità anche se la tua voce trema’, che per la prima volta ne raccoglie le inchieste più importanti, nella collana Munizioni diretta da Roberto Saviano per Bompiani. L’evento, a ingresso libero fino ad esaurimento posti, si terrà martedì 15 ottobre alle 18.30 con Roberto Saviano, e Andrew, Matthew e Paul Caruana Galizia – figli della giornalista rimasta uccisa in un attentato il 16 ottobre 2017 – le letture di Valeria Solarino e Massimiliano Coccia a moderare.

“Ci sono corrotti ovunque si guardi, la situazione è disperata”. L’ultimo post di Daphne Caruana Galizia su Running Commentary si chiude così, alle 14.35 del 16 ottobre 2017. Pochi minuti dopo la Peugeot bianca su cui si allontana da Dar Rihana, la Casa del vento, salta in aria, e quella frase diventa un testamento involontario consegnato ai lettori del suo blog. Daphne ha pagato con la vita trent’anni di giornalismo investigativo in cui ha denunciato i lati più scuri di Malta, dalla corruzione dei suoi politici al narcotraffico al riciclaggio di denaro sporco, dall’influenza del regime azero sulla politica locale al ruolo di Malta nello scandalo dei Panama Papers al sistema della vendita della cittadinanza maltese che vale il 2,5% del Pil dell’isola. Daphne Caruana Galizia ha scritto anche sul Sunday Times of Malta, sul Malta Independent e sul blog Running Commentary, aperto nel 2008, oltre ad essere stata direttrice della rivista Taste&Flair.

LEGGI ANCHE:  Malta, otto arresti per l’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»