Rifiuti, sequestrati al porto di Napoli 10mila pannelli solari diretti in Mali

Sono stati rinvenuti privi dell'etichettatura prevista per legge che ne attestasse la qualifica di merce, e non di rifiuto, e dunque l'idoneità alla spedizione e al riutilizzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Sono 10mila i pannelli fotovoltaici dismessi e stipati in otto container sequestrati al porto di Napoli nel corso di alcuni controlli portati a termine dai Carabinieri del Noe di Napoli, unitamente al II Gruppo della Guardia di Finanza e all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli in servizio presso il porto partenopeo. Al termine dei controlli i militari hanno denunciato il titolare di una societa’ di spedizioni che, attraverso false certificazioni e attestazioni, era in procinto di immettere sul mercato africano un ingente quantitativo di rifiuti speciali, costituito proprio dai pannelli fotovoltaici dismessi. Nel corso dell’ispezione dei container, i militari e i funzionari operanti hanno rinvenuto, accatastati gli uni sugli altri, i circa 10.000 pannelli fotovoltaici e parti di essi, privi dell’etichettatura prevista per legge che ne attestasse la qualifica di merce, e non di rifiuto, e dunque l’idoneita’ alla spedizione e al riutilizzo. Il carico destinato al Mali era proveniente da un sito industriale della provincia di Cagliari e ceduto per l’esportazione ad una societa’ di spedizione del nuorese.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»