Bonaccini: “I governatori chiedono la proroga del divieto di spostamento tra regioni”

stefano bonaccini
"Al nuovo Governo chiederemo poi un incontro per una discussione a 360 gradi sul nuovo DPCM, anche per valutare le riaperture"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’orientamento della Conferenza delle Regioni è di richiedere di prorogare il DL che vieta gli spostamenti da una Regione all’altra, anche per la zona gialla. Nelle prossime ore comunicherò tale orientamento al ministro Francesco Boccia che aveva chiesto il nostro parere nel corso dell’ultima Conferenza Stato-Regioni, oltre che al Presidente del Consiglio incaricato, Mario Draghi“. Lo dichiara il presidente Stefano Bonaccini, a margine della odierna Conferenza delle Regioni. “Al nuovo Governo chiederemo poi un incontro per una discussione a 360 gradi sul nuovo DPCM , per valutare le possibili graduali riaperture di alcune attività nel rispetto di tutti i protocolli di prevenzione”.

IL MINISTRO BOCCIA RINGRAZIA I PRESIDENTI: “GRANDE SENSO DI RESPONSABILITÀ”

“La Conferenza delle Regioni, confermando ancora una volta leale collaborazione e grande senso di responsabilità, ha comunicato l’orientamento delle Regioni nel richiedere la proroga del DL che vieta gli spostamenti tra Regioni anche per la zona gialla. Limite che potrebbe essere protratto alla data di scadenza del Dpcm in vigore fino al 5 marzo, allineando così tutte le scadenze relative alle misure restrittive per l’emergenza Covid-19. Ringrazio il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, e tutti i Presidenti di Regione che si sono espressi con tempestività e rapidità in una fase così critica dopo la richiesta del governo avvenuta nell’ultima Conferenza Stato-Regioni”. Così il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia.

LEGGI ANCHE: Vaccino, Ue: “No a negoziati paralleli di Stati membri o Regioni”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»