VIDEO | A Roma corteo-fiaccolata per Gaia e Camilla, genitori commossi

L'iniziativa è stata promossa dall'Istituto Gaetano De Sanctis, la scuola del quartiere Fleming dove erano iscritte le due giovani morte investite prima di Natale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Decine di persone. Candele bianche e rosa. Facce tese. È iniziata così la fiaccolata in ricordo di Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli, le due 16enni travolte e uccise da un’auto in Corso Francia, a Roma, la notte tra il 21 e il 22 dicembre. L’iniziativa promossa dall’Istituto Gaetano De Sanctis, la scuola del quartiere Fleming dove erano iscritte le due giovani, ha preso il via alle 17 da Piazzale di Ponte Milvio.

 

LEGGI ANCHE: VIDEO | Nella notte maxi perizia a Corso Francia per la morte di Gaia e Camilla

Attimi di commozione davanti al murale di Corso Francia dedicato a Gaia e Camilla che recita ‘Mano nella mano anche in cielo’. Qualche minuto di raccoglimento e commozione per i genitori delle due giovani, presenti alla fiaccolata, che si sono abbracciati davanti al muro di Corso Francia, circondati dalle candele accese dai partecipanti.

LEGGI ANCHE: I compagni di Gaia e Camilla: “Pensiamo a una fiaccolata per loro”

Ieri sera intanto, sul luogo dell’incidente, è stato effettuato l’esame tecnico valido per la perizia che punta a stabilire le circostanze in cui è maturata la tragedia. Periti di parte, insieme al consulente del pm incaricato, hanno ricostruito la scena, simulando la dinamica in cui il suv guidato da Pietro Genovese ha investito le due giovani senza lasciargli scampo. Per la morte di Gaia e Camilla, il 20enne figlio del regista Paolo Genovese, trovato positivo all’alcol test, si trova ai domiciliari con l’accusa di omicidio stradale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»