Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, nuova variante “brasiliana” rilevata a Tokyo

Giappone
Un nuovo ceppo del coronavirus è stato isolato in quattro passeggeri di un volo proveniente dal Brasile. Al momento non ci sono prove che la variante sia maggiormente infettiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – Secondo quanto confermato dal National Institute of Infectious Diseases, in Giappone è stata isolata una nuova variante del Covid-19 in quattro passeggeri sbarcati nell’aeroporto di Tokyo Haneda da un volo proveniente da Amazonas, in Brasile. I quattro, risultati positivi durante la quarantena obbligatoria in aeroporto, sono stati trasferiti in strutture idonee.

“Al momento non ci sono prove che questa nuova variante sia maggiormente infettiva”, ha dichiarato Takaji Wakita, a capo del National Institute of Infectious Diseases, evidenziando particolari similitudini di questo nuovo ceppo, nominato “brasiliano”, con quelli rinvenuti in Gran Bretagna e Sud Africa.

La notizia arriva a pochi giorni di distanza dallo stato di emergenza dichiarato dal primo ministro Yoshihide Suga che interesserà fino al 7 febbraio Tokyo e le vicine prefetture di Chiba, Kanagawa e Saitama e dalla richiesta al governo da parte dei governatori di Osaka, Kyoto e Hyogo di essere soggetti allo stato di emergenza.

LEGGI ANCHE: Oms rassicura: non c’è prova che la variante sudafricana resista al vaccino

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»