hamburger menu

Calenda e Renzi vicini all’accordo: “Ci sono le premesse per chiudere, incontro non ancora fissato”

Si lavora "su una lista unica con chiara indicazione sulla leadership"

10-08-2022 17:20
CARLO_CALENDA_matteo_renzi
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Un incontro con Matteo Renzi “per oggi non è stato fissato”, certo “ci siamo visti i scorsi giorni” ma “ora stanno lavorando gli staff” e comunque “ci sentiamo”. Carlo Calenda, segretario di Azione, lo dice su La7. Sui temi “di fondo”, dice Calenda, “un accordo è stato raggiunto e ora si discute di altre cose rilevanti”. Ad esempio si lavora “su una lista unica con chiara indicazione sulla leadership”, aggiunge. Insomma, “ci sono le premesse per chiudere” ma “il diavolo si nasconde nei dettagli”, chiosa il segretario di Azione. 

CALENDA: RISCHIO ITALIA NON FASCISMO MA ANARCHIA, MA MELONI CHIARISCA

“Il problema di Giorgia Meloni non è che è fascista ma che promette un programma da 80 miliardi e non dice dove li tira fuori”, spiega Carlo Calenda. “Rischio fascismo? A me non me ne frega niente, in questo paese il rischio è l’anarchia non il fascismo”, dice Calenda, “ma Meloni non ha mai chiarito sul fascismo e se non lo fa in Europa non le stringerebbero nemmeno la mano e finiremmo in serie C con Orban”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-10T17:20:15+02:00