Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Un italiano per la prima volta alla guida della Cooperative security della Nato

Il generale Francesco Diella, originario di Margherita di Savoia in Puglia, si trova a gestire le relazioni della NATO con i 40 Paesi partner dell'Alleanza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – È  il Generale di Divisione Francesco Diella ad aver assunto l’incarico di Direttore della Divisione “Cooperative Security” dell’International Military Staff, presso il Quartier Generale della NATO. La Divisione- spiega una nota- che con Diella è per la prima volta guidata da un generale italiano, è responsabile della cooperazione e del mantenimento dei contatti a livello militare con i Paesi che pur non appartenenti all’Alleanza Atlantica, instaurano o mantengono un rapporto di cooperazione e partenariato con la NATO.

La responsabilità della Divisione si allarga anche ai rapporti tra l’Alleanza e le organizzazioni internazionali – come l’ONU, la UE, l’Unione Africana – nonché con le Organizzazioni non governative come la Croce Rossa Internazionale.

Dopo aver affrontato le prime fasi dell’emergenza COVID da Direttore del Policlinico Militare Celio di Roma, il Generale Diella – originario di Margherita di Savoia in Puglia – si trova ora- conclude la nota- a gestire le relazioni della NATO con i 40 Paesi partner dell’Alleanza, in un momento storico delicato delle relazioni internazionali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»